Green Arrow Capital investe 400mln in Spagna per la produzione di energia rinnovabile

È il primo investimento di rilievo internazionale realizzato con il fondo Green Arrow Infrastructure of the Future (GAIF) dal lancio nei primi mesi del 2021, finalizzato ad accrescere la leadership nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico anche all’ester

Green Arrow Capital
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Green Arrow Capital SGR (GAC), tra i principali operatori italiani indipendenti attivi negli investimenti alternativi, consolida ulteriormente la propria leadership nelle Energie Rinnovabili con un investimento in Spagna volto ad accrescere il proprio posizionamento anche all’estero. Il Gruppo annuncia, infatti, di aver sottoscritto tramite il Fondo Green Arrow Infrastructure of the Future (GAIF) e insieme aProgressum Energy Developments (PED) un accordo quadro finalizzato all’investimento in impianti di produzione di energia da fonte solare in Spagna con una potenza prevista pari a 508 MW ed un controvalore complessivo di oltre 400 milioni di euro. Il Fondo GAIF – che ha iniziato ad operare nei primi mesi del 2021– perfeziona così il suo primo investimento di rilievo all’estero.

Leggi anche Energia pulita, la transizione tra rischi reali e spauracchi

Grazie all’operazione la pipeline acquisita da GAIF durante il 2021 – composta da impianti fotovoltaici, eolici ed idroelettrici operativi, in costruzione ed in fase avanzata di sviluppo – supera gli 800 MW, a cui si aggiungono i progetti nel settore del biometano, dello storage e delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici e delle torri 5G.

Daniele Camponeschi, Founder di Green Arrow Capital e CIO ha dichiarato: “L’acquisizione spagnola rappresenta la prima operazione di rilievo internazionale finalizzata a consolidare il posizionamento di GAIF anche all’estero. Questo investimento garantisce al Fondo un ingresso importante e un posizionamento significativo nel mercato spagnolo. Il nostro obiettivo è proseguire nella missione di essere protagonisti della transizione energetica ed estendere anche all’estero la strategia di integrazione della catena del valore a valle della produzione da fonti rinnovabili, elemento caratterizzante e distintivo di GAIF rispetto alle strategie proposte dai nostri competitors. A questo proposito siamo soddisfatti di comunicare che a breve, con il partner E-GAP, verranno avviate anche in Spagna, Francia e Germania, a partire rispettivamente da Madrid, Parigi e Monaco, le attività del Fondo nell’ambito delle infrastrutture di stoccaggio e ricarica dei veicoli elettrici.”

Leggi anche Consumi elettrici italiani, il 36% coperto da rinnovabili

Articolo precedenteBayWa r.e. si espande in Italia con l’acquisizione di Renam
Articolo successivoD-DUST, satelliti e intelligenza artificiale per lo studio delle polveri sottili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui