Nasce Hydrogenia: l’idrogeno è il combustibile del domani

La società, con sede a Genova, si avvale della collaborazione di Angelo Basile, già Senior Researcher presso l’Istituto per la Tecnologia delle Membrane (ITM) del CNR.

Hydrogenia
Foto di Martin Str da Pixabay

È una nuova realtà italiana specializzata nello sviluppo e nella costruzione di impianti per la produzione di Idrogeno Verde Ultrapuro, Hydrogenia con sede a Genova, controllata da Greeninvest, una società di investimento che si rivolge ad aziende green e innovative per sviluppare un’economia circolare e contribuire al raggiungimento di un progresso globale sostenibile.

Hydrogenia è pronta ad attivare la filiera dell’idrogeno e offrire soluzioni e tecnologie sempre più concrete ed efficienti, con la mission di realizzazione di progetti per la produzione e utilizzo di idrogeno “verde”, interamente ricavato da elettrolisi dell’acqua alimentata esclusivamente da energia rinnovabile.

Leggi anche A Bolzano la prima flotta di bus ad idrogeno d’Italia

“Abbiamo intrapreso un percorso di crescita in cui l’idrogeno ricopre un ruolo fondamentale, già a medio termine, per il rilevante contributo che può fornire in una moltitudine di settori.” – ha dichiarato Gian Luca Greco, Chairman & CEO Greeninvest – “La nostra società di investimento è da sempre impegnata nello sviluppo di fonti di energia sostenibile con l’obiettivo di contribuire attivamente al processo globale di decarbonizzazione”. 

Un team di massimi esperti a supporto dei progetti di Hydrogenia

Angelo Basile, R&D Manager Hydrogenia, sarà punto di riferimento per un team di ricercatori con una pluriennale esperienza nel campo delle rinnovabili e in particolare dell’Idrogeno: laureato in Ingegneria chimica, si è specializzato in Fisica tecnica vincendo un concorso di Dottorato, ad oggi ha già ricoperto il prestigioso ruolo di Senior Researcher presso l’Istituto per la Tecnologia delle Membrane (ITM) del CNR, con specifica responsabilità  dello sviluppo di idrogeno ultrapuro e di tecnologie per la cattura della CO2. La sua produzione scientifica è molto ampia e gli ha consentito di raggiungere uno dei più alti h-index (50), con 360 documenti all’attivo nelle aree di ricerca quali Energia, Ingegneria Chimica, Scienza dei Materiali, Chimica, etc; e con oltre 60 libri scientifici internazionali pubblicati come editore. Inoltre Basile è Associate Editor sia dell’Int. J. Hydrogen Energy (IJHE) sia dell’Asia-Pacific Journal of Chemical Eng. (APJCE); ed anche Editor-in-chief dell’Int. J. Membrane Science & Technology; è inoltre Membro dell’Editorial Board di oltre 20 riviste scientifiche internazionali (Processes, Membranes, Chem Eng. J., etc) nelle quali ha pubblicato oltre 50 special issue.

Leggi anche Riscaldamento residenziale a idrogeno, è davvero fattibile?

“L’Europa ha già fatto molta strada nella lotta al cambiamento climatico ma altrettanta ne resta da fare.” – ha dichiarato Angelo Basile, R&D Manager Hydrogenia – “Abbiamo all’attivo numerosi progetti e ci muoviamo verso ambiziosi obiettivi volti a sviluppare la filiera dell’idrogeno verde in Italia e nel mondo. Il nostro team dispone del know how necessario per investire sull’innovazione tecnologica accelerando la transizione energetica”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui