Accordo a 3 per l’impianto siderurgico a idrogeno in Francia

LIBERTY Steel, Paul Wurth and SHS – Stahl-Holding-Saar Saar firmano un memorandum d’intesa , La partnership valuterà lo sviluppo di un impianto ad idrogeno da 1 GW e di un impianto DRI da 2 milioni di tonnellate vicino al sito di ALVANCE Aluminium Dunkerque

idrogeno offshore
Foto di Tobias Dahlberg da Pixabay

LIBERTY Steel Group, parte di GFG Alliance, leader del settore sostenibile di Sanjeev Gupta, ha firmato un Memorandum of Understanding (MoU) con Paul Wurth e SHS – Stahl-Holding-Saar (SHS) per valutare la costruzione di un impianto per la produzione di acciaio con funzionamento ad idrogeno a Dunkerque in Francia. Se sviluppato, lo stabilimento sarebbe una delle prime operazioni di questo tipo in Francia.

Questa partnership paneuropea lavorerà insieme sul progetto per incorporare un impianto DRI (Direct Reduced Iron) da 2 milioni di tonnellate, con un’unità di produzione di elettrolisi dell’idrogeno con capacità di 1 GW, accanto al sito ALVANCE Aluminium Dunkerque di GFG. L’impianto DRI utilizzerà inizialmente una miscela di idrogeno e gas naturale come agente riducente per produrre DRI e ferro bricchettato a caldo (HBI), prima di passare all’utilizzo del 100% di idrogeno una volta completata l’unità di produzione di elettrolisi. Il DRI / HBI prodotto verrà utilizzato principalmente nel forno elettrico ad arco di LIBERTY Ascoval in Francia, ma l’eventuale eccedenza verrà utilizzata nelle acciaierie integrate di LIBERTY di Ostrava e Galati, nonché negli stabilimenti di Dillinger e Saarstahl del gruppo SHS in Germania.

Leggi anche Produrre idrogeno sostenibile? Arrivano in aiuto i punti polimerici

LIBERTY ha lavorato con Paul Wurth e SHS sulla fattibilità tecnica ed economica del progetto dall’inizio dello scorso anno. Ora che il lavoro di fattibilità iniziale si è rivelato positivo, i partner hanno firmato un protocollo d’intesa che copre due fasi:

  • Fase 1: migliorare il livello di fattibilità commerciale e tecnica del progetto, inclusa la riduzione del mix di gas, potenziali partner (fornitura di energia, produzione e funzionamento di idrogeno, apparecchiature DRI / HBI) e opportunità di finanziamento. Questa fase dovrebbe durare circa 12 settimane; e
  • Fase 2: fornire il livello di dettaglio richiesto (tecnicamente e finanziariamente) per l’efficace attuazione del progetto. Questa fase sarà determinata come parte della Fase 1.

I partner sono strategicamente concentrati sullo sviluppo di una tecnologia che consentirà all’industria siderurgica di raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi verdi, con LIBERTY che intraprende programmi a emissioni zero in tutto il mondo come parte della sua ambizione di essere a zero emissioni di carbonio entro il 2030. Paul Wurth è una società con sede in Lussemburgo e membro del gruppo SMS, che ha una comprovata esperienza come costruttore di impianti e fornitore di servizi. Attraverso la sua partnership con Sunfire, un fornitore di tecnologia tedesco che sviluppa elettrolizzatori ad alte prestazioni per la generazione di idrogeno altamente efficiente, Paul Wurth sta guidando alla maturità  questa tecnologia per applicazioni industriali. SHS – con entrambe le società Dillinger e Saarstahl – è un produttore di acciaio tedesco molto apprezzato. Il gruppo SHS è dedicato agli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima e si impegna a produrre ferro e acciaio con una CO2 ridotta. I partner prenderanno in considerazione l’utilizzo di altri produttori di idrogeno come parte del progetto.

Leggi anche Idrogeno pulito, quello UE sarà prodotto dove più economico

Commentando la notizia, Sanjeev Gupta, presidente esecutivo di GFG Alliance e LIBERTY Steel Group, ha dichiarato: “Questo progetto realizzerà il potenziale dell’acciaio e dell’idrogeno che lavorano insieme per risolvere i problemi reciproci. Il nostro settore ha bisogno di reinventare rapidamente la produzione di acciaio, poiché la necessità di ridurre le nostre emissioni diventa sempre più pressante in un contesto di crescente domanda globale per i nostri prodotti e pressione legislativa per diventare carbon neutral. La produzione di acciaio all’idrogeno ha il potenziale per risolvere questo problema e siamo determinati a collaborare con partner affini per realizzarlo. La Francia è il luogo ideale per provare, grazie al suo forte patrimonio industriale, forza lavoro qualificata e infrastrutture energetiche a basse emissioni di carbonio. Insieme a questi partner tecnologicamente avanzati e impegnati, non vediamo l’ora di esplorare il potenziale per la produzione di acciaio senza emissioni di carbonio, utilizzando l’idrogeno verde per aiutarci a realizzare i prodotti GREENSTEEL “.

Georges Rassel, amministratore delegato di Paul Wurth, ha dichiarato: “Paul Wurth è lieto e grato di supportare LIBERTY Steel Group nella sua agenda GREENSTEEL. Siamo convinti che questo progetto contribuirà a spianare la strada all’urgente cambiamento tecnologico nell’industria dei metalli “.

Martin Baues, membro del Consiglio di amministrazione per la tecnologia presso SHS – Stahl-Holding Saar, Dillinger e Saarstahl, ha dichiarato: “Nonostante l’elevato ostacolo degli immensi costi di investimento e operativi, Dillinger e Saarstahl sono determinati a perseguire costantemente il percorso verso la neutralità climatica . Questa partnership rappresenta un importante tassello sulla strada per la produzione di acciaio a emissioni zero e ci aiuterà a ridurre ulteriormente le nostre emissioni di carbonio sulla base di questa tecnologia e allo stesso tempo acquisire un’importante esperienza nell’uso dell’idrogeno nella produzione di acciaio “.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui