Incentivi biomasse a portata di tutti con la nuova Guida di Aiel

La Guida agli incentivi biomasse di Aiel aiuta cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni che vogliono consumare meno e migliorare la qualità dell’aria a scegliere gli incentivi adatti

Incentivi biomasse
Credits: Aiel

Orientarsi nel panorama italiano degli incentivi biomasse è spesso complicato, eppure, incentivare l’installazione di stufe e caldaie a legna, pellet o cippato moderne ed efficienti, con minori consumi ed emissioni da 4 a 8 volte inferiori rispetto alle tecnologie più datate, è necessario per migliorare la qualità dell’aria.

Le opzioni da valutare sono tante, ed è importante conoscerle bene per sfruttare al meglio le risorse impiegate, che spesso risultano sottoutilizzate a causa di iter burocratici che risultano complessi.

Per semplificare la vita a cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni che intendono usufruire degli incentivi dedicati agli impianti a biomassa, Aiel ha realizzato la nuova Guida agli incentivi per gli impianti a biomassa: un’introduzione a tutti gli schemi incentivanti per nuovi impianti e sostituzioni.

La guida riepiloga tutti gli incentivi oggi disponibili a livello nazionale e regionale: dal Conto Termico, che offre un contributo fino al 65% delle spese sostenute per l’intervento di sostituzione, ai bandi regionali ad esso abbinati proposti dalle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto, che offrono un importante sostegno aggiuntivo al Conto termico, rafforzandolo attraverso un contributo aggiuntivo che, nel caso di Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte, può arrivare a coprire fino al 100% dell’intervento per gli impianti più performanti.

leggi anche Pichetto Fratin, priorità MASE: decreto “FER 3” e aree idonee

Grazie alla nuova Guida sarà più facile conoscere tempi e modalità di erogazione degli incentivi, caratteristiche tecniche richieste, procedure da seguire e documenti necessari; rendendo anche più semplice per gli interessati scegliere gli incentivi biomasse più adatti alle proprie esigenze.

Le possibilità, infatti, sono molteplici: oltre al Conto termico esistono incentivi come l’Ecobonus, che prevede una detrazione fiscale Irpef o Ires per privati e imprese nel caso di sostituzione e nuova installazione (50%) o di riqualificazione globale degli edifici (65%), o il Bonus casa per condomini e privati che offre una detrazione al 50% delle spese totali sostenute per l’installazione di generatori di calore a biomassa anche in assenza di opere edilizie.

Altra opzione, in questo caso rivolta ad aziende e pubbliche amministrazioni, sono i certificati bianchi: titoli di efficienza emessi sul risparmio energetico addizionale dedicati alla sostituzione o nuova installazione di impianti di produzione di energia termica da fonti rinnovabili o efficientamento di impianti a fonti fossili.

“Scarica la Guida Incentivi”

Articolo precedenteL’eredità di Bolsonaro: dal 2019, impennata record per la deforestazione in Brasile
Articolo successivoAirbus presenta il suo DisruptiveLab per testare nuove tecnologie incentrate sulla decarbonizzazione 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui