Nuova intesa a favore del mini-idro nazionale

Firmato protocollo d’intesa tra FederIdroelettrica e l’Associazione dei Produttori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia

mini-idro
via depositphotos.com

In data 8 luglio u.s. è stato firmato dal Presidente Paolo Picco per FederIdroelettrica e dalla Presidente Gianna Cimenti per l’Associazione dei Produttori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia un protocollo d’intesa, volto a sviluppare una reciproca collaborazione ed a rafforzare la rappresentanza unitaria del comparto del mini-idro a livello nazionale. Grazie a questa importante iniziativa, le due Associazioni si apprestano a conferire nuovo impulso alle attività di promozione e tutela del comparto, al fine di sostenere con rinnovata incisività i sostanziali cambiamenti e le sfide che il settore sta affrontando e che dovrà affrontare nei prossimi anni. Ricordiamo che FederIdroelettrica è l’unica associazione che, a livello nazionale, tutela esclusivamente il comparto del mini-idro.

Leggi anche Dl Recovery, le nuove semplificazioni per rinnovabili ed efficienza

“Sono convinto che una sempre maggior rappresentatività del mini-idro nei confronti delle istituzioni non possa far altro che portare dei benefici ai produttori; è fondamentale che questa rappresentanza sia il più possibile unitaria e per questo invito tutti i produttori ad associarsi a FederIdroelettrica, e, in Friuli Venezia Giulia, all’Associazione dei Produttori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia, così da poter dare più voce alle due associazioni” dichiara Paolo Picco.

Per Gianna Cimenti “L’incredibile fase storica che il nostro paese sta vivendo deve consentire al mini idroelettrico di rilanciarsi attraverso tutte le opportunità europee e nazionali a disposizione; per raggiungere questo ambizioso risultato non possiamo prescindere dall’aggregazione degli operatori del settore, per rafforzarne le posizioni e le proposte; il protocollo d’intesa guarda esattamente in questa direzione.”

Leggi anche Non lasciate l’idroelettrico ai margini della transizione energetica, dice l’IEA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui