Johnson Controls svela ambiziosi impegni di sostenibilità

La società annuncia nuovi obiettivi ambientali, sociali e di governance e un impegno zero carbon nei prossimi due decenni.

Johnson Controls
Foto di Free-Photos da Pixabay

Johnson Controls leader globale nella realizzazione di edifici intelligenti, sani e sostenibili, annuncia nuovi obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) e un impegno zero carbon per un pianeta sano e più sostenibile nei prossimi due decenni. La riduzione delle emissioni dell’azienda e dei clienti sarà guidata dalle tecnologie OpenBlue di Johnson Controls e dalle innovazioni che sfruttano i big data e l’intelligenza artificiale per massimizzare la sostenibilità degli edifici. 

“La sostenibilità è al centro del nostro business ed è fondamentale per tutto ciò che facciamo”, dichiara George Oliver, presidente e CEO, Johnson Controls. “L’annuncio odierno rafforza il nostro continuo impegno nello sviluppo delle migliori soluzioni per il clima, e OpenBlue consentirà ai nostri clienti di ottimizzare l’operatività degli edifici e scoprire efficienze energetiche che li aiuteranno a raggiungere i loro obiettivi ambientali. Continuiamo a fare della sostenibilità una priorità assoluta per l’azienda, i nostri clienti e i nostri fornitori, e abbiamo fissato obiettivi ambiziosi che porteranno miglioramenti significativi nelle emissioni di carbonio”. 

Nuovi impegni ambientali, sociali e di governance

I nuovi impegni consentiranno a Johnson Controls di quantificare i propri sforzi volti a ridurre le emissioni, guidare l’innovazione incentrata sul clima e lavorare a stretto contatto con clienti e fornitori per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità, nonché un impatto misurabile rispetto ai tre pilastri chiave dell’Healthy Buildings OpenBlue: “healthy people, healthy places, healthy planet”. Questi impegni sono:

  • Fissare obiettivi basati sulle osservazioni scientifiche, coerenti con lo scenario più ambizioso di 1,5°C del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici
  • Ridurre le emissioni operative di Johnson Controls del 55% e quelle dei clienti del 16% prima del 2030
  • Raggiungere emissioni nette di anidride carbonica pari a zero entro il 2040, in linea con i criteri della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Race to Zero e Business Ambition for 1,5°C
  • Investire il 75% della ricerca e sviluppo di nuovi prodotti in innovazioni legate al clima per sviluppare prodotti e servizi sostenibili
  • Raggiungere il 100% di utilizzo di elettricità rinnovabile a livello globale entro il 2040

Leggi anche UE: parte la Renovation Wave, fino a 35mld di edifici da ristrutturare

Impegni con clienti e fornitori

  • Raddoppiare la riduzione delle emissioni annuali entro il 2030 attraverso l’uso di prodotti e servizi digitali OpenBlue di Johnson Controls
  • Creare un consiglio di sostenibilità dei fornitori che coinvolga anche la loro catena di fornitori,
    almeno al  primo livello, e offrire formazione sulle migliori pratiche di sostenibilità e sugli strumenti digitali OpenBlue al fine di raggiungere obiettivi di sostenibilità ambiziosi e pubblici
  • Ponderare la sostenibilità al pari di altre metriche chiave nelle valutazioni delle prestazioni dei fornitori e fornire una preferenza per quelli con valutazioni di sostenibilità eccellenti.

Impegni di sostenibilità sociale e di governance

  • Raddoppiare la rappresentazione delle donne leader a livello globale e dei leader delle minoranze negli Stati Uniti entro cinque anni
  • Lanciare un’iniziativa per educare la prossima generazione di leader del settore dell’edilizia sostenibile, in collaborazione con le HBCU
  • Includere gli obiettivi di sostenibilità e diversità nelle valutazioni dei leader, collegate al compenso dei dirigenti 
  • Lanciare un’iniziativa incentrata sui mercati poco serviti e aumentare la spesa di Johnson Controls con le donne e le imprese appartenenti a minoranze.

“I nostri impegni rafforzano l’urgenza di apportare cambiamenti positivi che miglioreranno le condizioni  del nostro pianeta, e crediamo di essere in una posizione unica per aiutare clienti e fornitori a raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità, oltre ai nostri”, aggiunge Katie McGinty, vice president & chief sustainability, government and regulatory affairs officer di Johnson Controls. “Siamo entusiasti di accrescere il nostro ruolo e continueremo a innovare e a scoprire nuovi percorsi per raggiungere i nostri obiettivi che contribuiranno a persone più sane, luoghi più sani e un pianeta più sano”. 

Supporto di OpenBlue per le iniziative di sostenibilità dei clienti 

Johnson Controls è impegnata a sostenere gli sforzi di sostenibilità e di riduzione delle emissioni di carbonio dei suoi clienti attraverso la piattaforma OpenBlue. L’OpenBlue Enterprise Manager può offrire fino al 30% di risparmio energetico negli edifici e un corrispondente calo delle emissioni di CO2. In particolare, la piattaforma è stata recentemente utilizzata per identificare oltre 100.000 dollari di risparmio dopo soli 30 giorni presso numerosi clienti. Alimentata dall’intelligenza artificiale e dal machine learning, la piattaforma facilita il monitoraggio in tempo reale, il benchmarking e l’analisi del consumo e della domanda di energia. Consente inoltre di produrre rapporti sulla qualità ambientale interna per aiutare a ottenere certificazioni di sostenibilità.

Iniziativa di formazione per diversificare la forza lavoro nel settore e formare i futuri leader della sostenibilità

Il modo in cui gli edifici sono progettati, gestiti e manutenuti ha un impatto ambientale e sociale significativo sugli occupanti degli stessi. Per questo motivo, Johnson Controls, in collaborazione con alcune università, lancerà un’iniziativa volta a sviluppare e implementare un programma educativo che sosterrà la formazione di più di mille sustainability champion provenienti da università selezionate in tutto il mondo in materia di sostenibilità ambientale, equità energetica, e soluzioni di decarbonizzazione degli edifici. I nove OpenBlue Innovation Center globali dell’azienda forniranno inoltre agli studenti un supporto nell’applicazione di strumenti digitali per migliorare gli edifici nuovi ed esistenti. 

“Con l’innovazione fornita dalle nuove soluzioni digitali OpenBlue, anche le aziende italiane posso affrontare le sfide della sostenibilità e della sicurezza dei luoghi di lavoro con maggiore efficacia”, sostiene Francesco Giaccio, managing Director di Johnson Controls Italia. “Un’azienda che applica queste buone pratiche su se stessa è garanzia di affidabilità, oltreché prova di convinzione del percorso intrapreso e serietà nei confronti di clienti e fornitori”.

Leggi anche Edilizia 4.0, il futuro degli smart building inizia oggi

In quanto leader nel settore dell’edilizia da 135 anni, Johnson Controls è stata un pioniere nella sostenibilità ed è classificata nel primo 12 per cento delle aziende leader in tema di clima a livello globale da CDP (Carbon Disclousure Project), oltre a essere stata nominata tra le 100 aziende più sostenibili da Corporate Knights. Recentemente George Oliver è stato nominato presidente del comitato Business Roundtable Energy and Environment, dove sta guidando le politiche che preservano l’ambiente e massimizzano le opzioni di energia sostenibile. Johnson Controls sta compiendo passi significativi per migliorare drasticamente il suo impatto ambientale, consentendo ai clienti e alle generazioni future di consumare meno energia, conservare le risorse e identificare percorsi per raggiungere comunità sane a zero emissioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui