Le aziende stanno accelerando gli investimenti 
in efficienza energetica

Il sondaggio, commissionato da ABB a livello globale, evidenzia i piani attuali e futuri da parte delle aziende per investire in efficienza energetica con l’obiettivo di raggiungere lo zero netto (Net Zero)

investimenti 
in efficienza energetica

Un nuovo sondaggio mostra che le aziende a livello globale stanno accelerando i loro investimenti per migliorare la loro efficienza energetica nei prossimi cinque anni in vista dell’obiettivo fondamentale di zero emissioni di gas serra (Net Zero). La ricerca, dal titolo “The Energy Efficiency Investment Survey 2022” arriva sulla scorta di un recente report delle Nazioni Unite che chiede un’azione concertata da parte dei diversi Paesi del mondo per ridurre più rapidamente le emissioni di gas serra.

La ricerca è stata condotta da Sapio Research in 13 Paesi e ha coinvolto 2.294 aziende con un numero di dipendenti dai 500 ai 5000 e oltre. Offre un colpo d’occhio aggiornato di come le aziende nel mondo abbiano in programma di investire in misure di efficienza energetica con l’obiettivo di raggiungere il Net Zero. Un risultato significativo è che più di metà delle aziende (il 54%) sta già investendo in soluzioni di efficienza energetica, mentre il 40% ha in programma di migliorare la propria efficienza energetica quest’anno.

“Una significativa crescita demografica ed economica accelererà il cambiamento climatico portandolo a livelli critici se i governi e le aziende non intensificheranno i loro sforzi. La crescente urbanizzazione e le tensioni geopolitiche rendono ancora più importante la tematica della sicurezza energetica e della sostenibilità”, ha dichiarato Tarak Mehta, Presidente di ABB Motion. “Migliorare l’efficienza energetica è una strategia essenziale per affrontare queste potenziali crisi, quindi l’accelerazione degli investimenti rilevata da questa ricerca è una buona notizia”.

leggi anche Edifici intelligenti, le tecnologie ABB per aumentare l’efficienza dell’HVAC

In particolare, i sistemi motorizzati industriali hanno un grande potenziale per il miglioramento dell’efficienza energetica. Quasi i due terzi del campione che ha partecipato al sondaggio stanno aggiornando i loro componenti con quelli dalle migliori classi di efficienza energetica, ad esempio adottando motori elettrici ad alta efficienza controllati da convertitori di frequenza a velocità variabile.

“I risultati del sondaggio evidenziano quanto sia importante agire ora, cogliendo le opportunità che ci sono in Italia per le nostre imprese, incluse le piccole e medie e non perdere le opportunità che possono nascere grazie anche al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).” ha commentato Alessandro Pueroni, Lead Business Area Manager Motion Southern Europe & Italy di ABB. “È fondamentale per i nostri stakeholder essere coscienti del fatto che intraprendere un percorso di adozione di tecnologie ad alta efficienza energetica offre un rapido ritorno sugli investimenti, aiutando al contempo a ridurre le emissioni di CO2”.

In Italia, un campione di 204 manager dell’industria ha partecipato al sondaggio e quasi tutti (il 97%) hanno affermato di avere già investito o di avere in programma di investire per accrescere la loro efficienza energetica. Mentre la metà del campione ha indicato nei costi la maggiore barriera all’investimento, il 65% ha indicato nel risparmio la ragione più importante per investire.

Le indicazioni delle aziende italiane:

  • Il 97% sta investendo o ha già in programma di migliorare l’efficienza energetica. Il building e la gestione degli edifici saranno coinvolti negli investimenti dal 79% del campione intervistato, seguiti dalla produzione/operations e dai trasporti
  • Alla richiesta di indicare quali barriere vi siano a investire nell’efficienza energetica nell’ordine sono stati indicati: i costi, il tempo di fermo impianto, la mancanza di specialisti e/o di consulenti, le resistenze da parte della forza lavoro e la mancanza di competenze digitali nella forza lavoro, infine le incertezze nel tipo di azioni da intraprendere
  • Il 39% delle aziende italiane ha in programma di migliorare la propria efficienza energetica nel 2022, in linea con la media del sondaggio globale (40%)
  • Secondo il campione intervistato le ragioni più importanti per investire nell’efficienza energetica sono: la maggiore competitività, un miglioramento della reputazione del brand, la pressione da parte degli enti normativi, degli azionisti e dei clienti
  • Il 34% delle aziende italiane ritiene di avere informazioni sufficienti da parte delle Istituzioni o di terze parti in tema di efficienza energetica, il 59% ritiene di essere abbastanza informato ma richiede maggiore supporto, mentre il 6% ritiene di non avere sufficienti informazioni; a livello globale questi dati sono rispettivamente il 41, 51 e 5%
  • Il 47% delle aziende italiane si è dato come obiettivo di raggiungere il Net Zero fra cinque anni, paragonato al dato globale del 52%

Energy Efficiency Movement

La ricerca è stata effettuata nell’ambito dell’#energyefficiencymovement, un’iniziativa lanciata da ABB nel 2021 che coinvolge molteplici stakeholder. Obiettivo dell’iniziativa è accrescere la consapevolezza e avviare azioni mirate alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di carbonio per contrastare il cambiamento climatico. Le aziende sono invitate a unirsi all’iniziativa e a impegnarsi pubblicamente per ispirare altri attori ad agire. Per ulteriori informazioni: https://www.energyefficiencymovement.com/it/ 

The Energy Efficiency Investment Survey 2022 è disponibile qui.

Articolo precedenteReference-factory.H2 regala un gemello digitale all’idrogeno verde
Articolo successivoI visionari dell’architettura vincitori del premio eVolo 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui