L’energia solare può supportare l’alimentazione di una flotta di veicoli elettrici

Nuovo studio Eaton, Equans e La Poste.

energia solare

Eaton – azienda leader a livello globale nella gestione dell’energia – insieme a Equans, filiale di Engie e leader globale nei servizi multitecnici, e La Poste, il gruppo francese di servizi postali, presentano i risultati di un nuovo studio che dimostra come l’energia solare possa svolgere un ruolo importante nell’alimentazione dei veicoli elettrici, anche nelle aree del Nord Europa con meno ore di luce.

Durante un test condotto nell’arco di 12 mesi presso il sito di Magny les Hameaux di La Poste, nell’area dell’Ile-de-France, due furgoni elettrici, durante le ore di inattività, sono stati ricaricati sotto una tettoia fotovoltaica appositamente realizzata e connessa da Equans a un sistema di accumulo di energia Eaton, e successivamente utilizzati per consegnare la posta seguendo il normale programma di consegna.

Leggi anche Una nuova strada solare a prova di usura

Il contributo che il sistema di accumulo di Eaton ha dato all’alimentazione elettrica del sito nel corso dell’anno ha fatto sì che i veicoli elettrici venissero utilizzati senza incidere sul prelievo tradizionale di energia dalla rete.

I risultati del test – pubblicati da Eaton, Equans e La Poste in un case study – hanno mostrato come l’energia solare autogenerata abbia fornito ogni mese una percentuale variabile a seconda del clima. Durante i mesi estivi, ad esempio, impianto fotovoltaico e sistema di accumulo sono stati in grado di fornire fino all’80% del fabbisogno giornaliero di energia dei veicoli. Il sistema di accumulo ha consentito tale risparmio energetico immagazzinando energia durante il giorno mentre i veicoli venivano utilizzati per le attività postali.

L’algoritmo intelligente del sistema di accumulo dell’energia di Eaton ha giocato un ruolo centrale, gestendo i flussi di energia e controllando la microgrid. In questo modo, l’energia generata dall’impianto fotovoltaico è stata immagazzinata per essere utilizzata nel momento del bisogno, principalmente per caricare i veicoli elettrici nel tardo pomeriggio o al tramonto, ma anche per alimentare l’edificio, permettendo così un risparmio economico, oltre a una riduzione della pressione sulla rete e dell’impatto ambientale.

Infine, è importante sottolineare che il test è stato condotto senza interrompere i normali programmi di consegna del sito: gli autisti, infatti, hanno semplicemente parcheggiato i veicoli elettrici in sede dopo aver consegnato la posta, trovandoli, la mattina successiva, pronti a partire con la batteria completamente carica.

Leggi anche Fotovoltaico silicio-perovskite, ad un soffio dal 30% d’efficienza

“Con l’aiuto del sistema di accumulo di energia di Eaton, associato all’autogenerazione di energia solare, stiamo risparmiando in media tra il 50% e l’80% dell’elettricità richiesta dai nostri veicoli elettrici, grazie all’autoconsumo di energia rinnovabile derivata dall’impianto fotovoltaico”, ha dichiarato Jean-Louis Miegeville, project manager dell’Information System Department del ramo servizi, posta e pacchi di La Poste. Inoltre, l’utilizzo all’interno del sistema di accumulo di batterie di “second life”, vale a dire rigenerando batterie già precedentemente utilizzate a bordo di auto elettriche, rende il progetto particolarmente interessante, promuovendo l’economia circolare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui