“Libera l’energia, segui il vento”,

Anev svela slogan e veste grafica del piano di comunicazione che accompagnerà le attività di supporto al settore eolico finalizzata al raggiungimento degli obiettivi PNIEC al 2030

minieolico

“Libera l’energia, segui il vento”, è questo lo slogan scelto dall’ANEV per la campagna straordinaria di comunicazione che dovrà mobilitare la pubblica opinione sui temi che impediscono a questa fonte rinnovabile di dare il contributo necessario alla decarbonizzazione e segnalare al Governo quali azioni sono necessarie per far sì che accada.

L’energia eolica, chiamata nell’attuale fase di transizione ecologica a dare il proprio contributo per la lotta ai cambiamenti climatici e per favorire la decarbonizzazione, incontra infatti troppo spesso sul suo cammino ostacoli burocratici che ne bloccano lo sviluppo. È necessario quindi “liberare l’energia eolica”, così come si libera in aria un aeroplanino, icona della campagna; per farlo è necessario attuare una profonda transizione burocratica.

Leggi anche Per la neutralità climatica, sull’eolico dobbiamo andare 3 volte più veloci

Il tema della linearità e trasparenza dei processi autorizzativi è centrale nelle battaglie dell’Associazione, che chiede da anni di ricondurre le tempistiche medie degli iter per la realizzazione degli impianti eolici, oggi pari a oltre 5 anni, ai 6 mesi previsti dalla normativa. I pareri discordanti tra decisori, il Ministero dei Beni culturali da una parte e il vecchio Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico dall’altra, hanno portato negli anni al blocco del settore.

Oggi la nascita del Ministero della Transizione Ecologica e il nuovo strumento in seno alla Presidenza del Consiglio, il Cite, dovrebbero aiutare a dirimere tali questioni. I dinieghi oramai costanti delle Soprintendenze e le lungaggini del processo autorizzativo hanno comportato, negli ultimi nove anni, il passaggio dai 1.200 MW eolici autorizzati nel triennio 2012/2014, ai 750 MW eolici nel triennio 2015/2017 e ai soli 125 MW nell’ultimo triennio 2018/2020, un calo dell’installato dell’80%.

Solo grazie ad un intervento da parte delle Istituzioni mirato a favorire il corretto funzionamento dei meccanismi autorizzativi, il settore eolico potrà portare i suoi benefici da qui al 2030, come previsto nel PNIEC.

La campagna di sensibilizzazione è mirata ad alimentare il dialogo con le Istituzioni, ma anche ad ampliare la comunicazione social, con l’obiettivo di raggiungere un pubblico più ampio all’insegna dell’hashtag #seguiilvento.

Leggi anche L’O2 Arena di Londra testerà il nuovo mini eolico verticale

Il programma, in continuo aggiornamento, prevede il lancio di un Manifesto associativo sul PNRR, webinar tematici, incontri pubblici con le Regioni, con il Ministro dei Beni Culturali, con il Ministro della Transizione Ecologica, con il Ministro del Sud, con il Ministro delle Infrastrutture, con le principali Associazioni Ambientaliste, e ancora un Premio Giornalistico, iniziative social e giochi virali rivolti anche al pubblico più giovane.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui