L’intonaco RH120 è stato incluso nell’ADI Design Index 2020

RH120 unisce innovazione e sostenibilità ambientale, come dimostra il suo impiego nel flagship store “Save the Duck” a Milano e nello storico negozio “San Carlo dal 1973” a Torino

RH120

È arrivato un altro importante riconoscimento per Ricehouse, società benefit che trasforma i sottoprodotti della produzione risicola in materiali 100% naturali destinati alla bioarchitettura: l’intonaco RH120 è stato incluso nell’ADI Design Index 2020, la pubblicazione che presenta l’eccellenza del design italiano secondo l’Osservatorio permanente dell’Associazione per il Disegno Industriale (ADI).

I prodotti selezionati da ADI Design Index 2020 sono stati 207 e saranno in lizza per il più prestigioso riconoscimento italiano del settore: il Premio Compasso d’Oro ADI, la cui prossima edizione si svolgerà nel 2022. La selezione riguarda prodotti lanciati sul mercato nell’anno 2019 appartenenti a tutti i campi della progettazione e dell’innovazione, con una particolare attenzione allo sviluppo sostenibile e responsabile.

Leggi anche Bioarchitettura, protagonisti per il bio-ponte olandese sono canapa e lino

Fondata nel 2016 da Tiziana Monterisi (architetta specializzata in architettura bio-ecologica) e Alessio Colombo (geologo), Ricehouse approda all’ADI Design Index 2020 nella categoria “Design dei materiali e dei sistemi tecnologici” grazie alla sua malta da intonaco di finiture RH120, ottenuta miscelando la calce aerea con la lolla di riso, scarto agricolo della sbramatura del risone (il riso grezzo dopo la trebbiatura). Il prodotto, che mette in risalto l’estetica materica della lolla, unisce design innovativo e sostenibilità ambientale. Formulato con materie prime naturali di qualità, biodegradabile e privo di formaldeide, l’intonaco RH120, realizzato con materiale 100% Made in Italy, garantisce ottime prestazioni dal punto di vista del comfort abitativo, della gestione dell’umidità interna, della salubrità delle murature e dell’abbattimento dell’inquinamento interno.

Ricehouse offre un servizio integrato e completo, che spazia dalla progettazione allo sviluppo di nuovi materiali edili 100% naturali (idonei per il superbonus 110%), fino alla consulenza per le aziende che vogliono utilizzare prodotti naturali come materie prime.

La linea di prodotti firmata Ricehouse non trova impiego solamente nel campo delle costruzioni residenziali, ma anche nel campo del design, dell’hospitality e dell’industrial.

L’intonaco RH120 di Ricehouse è il protagonista di 2 importanti progetti di retail: il flagship store Save the Duck a Milano e lo storico negozio San Carlo dal 1973 a Torino.

Save the Duck – Milano

Il brand di piumini animal free ha recentemente inaugurato un nuovo punto vendita monomarca in via Dante 3 a Milano, a pochi passi dal Duomo: l’attenzione ai materiali usati per confezionare i capi è la stessa usata nell’allestimento del negozio, che è stato progettato seguendo principi di sostenibilità ambientale.

Da qui nasce la partnership con Ricehouse, che ha fornito i suoi materiali naturali, resilienti e riciclabili, che arrivati a fine vita non andranno ad impattare sull’ambiente, in quanto biocompostabili e biodegradabili. La finitura delle pedane di arredamento e dei banconi è stata realizzata con RH120, appositamente studiato per una levigatura dal grande impatto estetico. Inoltre, per dipingere le pareti è stato utilizzato un altro prodotto firmato Ricehouse: l’ecopittura naturale e traspirante RH500, a base di calce di fossa a lunga stagionatura e pula di riso.

La collaborazione tra Save the Duck e Ricehouse – entrambe società Benefit, ovvero attente all’ambiente e al sociale – è il connubio tra due aziende che condividono gli stessi valori e un DNA fondato su innovazione e ricerca.

San Carlo dal 1973 – Torino

Un’altra importante collaborazione è quella fra Ricehouse e lo storico “San Carlo dal 1973” (in Piazza San Carlo 161 a Torino), uno spazio di oltre 800 metri quadri che supera il concetto di boutique di abbigliamento per offrirsi come atelier per abiti su misura e accessori, casa d’arte, spazio per ospitare concerti e incontri letterari.

La boutique di lusso è stata curata nelle sue forme dagli architetti Jeannot Cerutti e Theo Cerutti. L’attenzione ai dettagli e all’utilizzo di materiali innovativi sono stati elementi fondamentali. Giorgina Siviero, signora della moda torinese, proprietaria della storica boutique, ha scelto, insieme al suo team di architetti, di utilizzare sulla muratura dello store proprio la finitura RH120 di Ricehouse.

Il prodotto è studiato per essere levigato e trattato col fine di risaltare l’effetto estetico del materiale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui