NHOA, i punti di ricarica rapida per veicoli elettrici salgono a oltre 900

Crescita a 10x: sul primo semestre i ricavi superano gli 80 milioni

Economia circolare
Credits: Markus Distelrath da Pixabay

NHOA (NHOA.PA, già Engie EPS) ha pubblicato oggi il Trading and Operational Update al secondo trimestre 2022. Il comunicato stampa ufficiale in lingua inglese e francese è disponibile sul sito della società nella sezione dedicata agli investitori: nhoa.energy/investors

“Il secondo trimestre 2022 ha registrato risultati senza precedenti nella storia di NHOA”, ha commentato Carlalberto GuglielminottiCEO del Gruppo NHOA“Le vendite a livello di gruppo nel primo semestre hanno superato gli 82 milioni di euro, oltre 10 volte i ricavi di periodo del 2021, con una crescita record per tutte le Global Business Line:

  • Lo stoccaggio d’energia, che rappresenta il fondamentale asse tecnologico del gruppo, ha visto le vendite crescere di oltre 30 volte a dispetto dello scenario globale sempre più complesso.
  • La mobilità elettrica, nonostante si sia dovuta confrontare con una catena di approvvigionamento sotto pressione, ha raddoppiato le vendite di periodo, mantenendo stabile il tasso di conversione rispetto ai veicoli elettrici venduti da Stellantis.
  • Atlante, infrastruttura di ricarica rapida per veicoli elettrici lanciata meno di un anno fa e le cui attività sono partite solo nel novembre 2021, ha già dimostrato di essere in grado di anticipare gli obiettivi al 2025 con oltre 900 punti di ricarica online e in costruzione nel Sud Europa e una pipeline di nuovi 1500 siti.

I risultati storici registrati nel primo semestre sono la testimonianza della competitività di NHOA sui mercati mondiali, non solo sotto l’aspetto tecnologico ed economico, ma anche e soprattutto dal punto di vista operativo, attraverso la gestione di svariati progetti su larga scala in 4 continenti, grazie al lavoro del suo team in continua espansione e al supporto di TCC e Stellantis.”

Articolo precedenteFotovoltaico PERC, Trina Solar raggiunge un nuovo record mondiale
Articolo successivoCambiamenti climatici, al primo posto tra le preoccupazioni per l’ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui