Nuove intese per l’idrogeno verde in Italia

Nextchem, controllata del Gruppo Maire Tecnimont, e Mytilineos firmano accordo relativo all’esecuzione di uno studio di ingegneria. Obiettivo: valutare l’implementazione di un impianto di elettrolisi

prometeo idrogeno verde
via depositphotos.com

Maire Tecnimont S.p.A. annuncia che la sua controllata NextChem e la Business Unit Renewable and Storage Development (RSD BU) di MYTILINEOS, oggi hanno firmato un accordo per attività di ingegneria per lo sviluppo di un impianto di produzione di idrogeno verde via elettrolisi in Italia.

NextChem è la controllata di Maire Tecnimont attiva nel campo della chimica verde e delle tecnologie per la transizione energetica. MYTILINEOS, attraverso la sua RDS BU, è leader di mercato nello sviluppo, nella costruzione e nella gestione dell’operatività di progetti di energia solare e ibrida su scala industriale, con una comprovata esperienza di oltre 1 GW di progetti solari di media e larga scala in tutto il mondo e grandi impianti di accumulo di batterie.

Secondo l’accordo, l’RSD BU utilizzerà il know-how e le competenze ingegneristiche di NextChem e Maire Tecnimont nelle tecnologie dell’idrogeno per crescere in questo settore.

Leggi anche Dai rifiuti all’idrogeno (e non solo), la ricetta di NextChem per la transizione energetica

Il progetto, che convertirà l’energia rinnovabile da uno degli impianti solari di MYTILINEOS in idrogeno verde, mira a fornire agli acquirenti locali un’alternativa di vettore energetico carbon neutral che potrebbe consentire una reale decarbonizzazione anche dei settori industriali difficili da riconvertire.

Pierroberto Folgiero, Amministratore Delegato del Gruppo Maire Tecnimont e NextChem, ha commentato: “NextChem è front runner nello sviluppo di una nuova economia verde a idrogeno: abbiamo nel nostro portafoglio ben quattro soluzioni tecnologiche per la produzione di idrogeno con diversi gradi di intensità carbonica, tra le quali l’idrogeno verde, è una delle più ambiziose dal punto di vista economico e ambientale e sulla quale noi stiamo già lavorando, sia in Italia che all’estero. Questa collaborazione con MYTILINEOS è estremamente interessante e ci offre l’opportunità di dimostrare i benefici di un approccio volto alla creazione di piattaforme integrate di soluzioni impiantistiche per la transizione energetica”.

Nikos PapapetrouGeneral Manager di RSD Business Unit, ha dichiarato: “L’Italia rappresenta uno dei nostri mercati chiave in Europa e siamo entusiasti di avviare lo sviluppo del nostro primo progetto pilota di idrogeno verde in partnership con NextChem nel Paese. Miriamo ad espandere questo Business Model in tutti i Paesi dove stiamo sviluppando Sistemi di Energia Rinnovabile (RES). Ci sentiamo onorati di offrire il nostro contributo alla strategia energetica dell’idrogeno verde, identificato a livello mondiale come uno dei principali pilastri dell’evoluzione energetica. Promuovere lo sviluppo dell’idrogeno verde è una dimostrazione concreta del nostro impegno ad accelerare la transizione energetica e la decarbonizzazione”.

Leggi anche NextChem e Enel Green Power insieme per la rivoluzione dell’idrogeno verde

Lo sviluppo di capacità impiantistica per la produzione di idrogeno verde è una delle principali priorità del Governo italiano e dell’Unione Europa per concorrere agli obiettivi europei di neutralità carbonica e accelerare la transizione energetica in ambito civile e industriale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui