Obton acquista da E2E 43 impianti fotovoltaici in Italia

Gli impianti oggetto della compravendita vantano un fatturato unitario (per MWp) superiore del 50% rispetto alla media nazionale

impianti fotovoltaici
Image by PublicDomainPictures from Pixabay

Obton, Gruppo danese leader negli investimenti in tecnologie sostenibili e il più grande investitore di parchi solari nel Nord Europa, ha siglato un accordo con E2E, società italiana attiva nel settore delle energie rinnovabili guidata dall’imprenditore Gianluca Lancellotti, per l’acquisizione di un portafoglio di 33 MW che comprende 43 impianti fotovoltaici in Italia, aggiudicandosi una gara alla quale hanno partecipato i maggiori specialisti del settore. 

Gli impianti in oggetto vantano un fatturato unitario (per MWp) superiore del 50% rispetto alla media nazionale, grazie alle ottimizzazioni che il Gruppo E2E ha saputo realizzare investendo sull’efficientamento dei propri impianti e sulla scrupolosa manutenzione predittiva posta in essere. 

L’operazione rientra nel più ampio e ambizioso piano di Obton di scalare il mercato italiano attraverso la realizzazione di progetti particolarmente strategici. 

Leggi anche Impianti fotovoltaici in Italia: tornano a crescere nonostante il COVID-19

“Siamo molto orgogliosi di tale acquisizione che rappresenta un ulteriore passo avanti verso la crescita del Gruppo in Italia, il Paese al quale abbiamo guardato sempre con più interesse nell’ottica di una maggiore espansione in Europa”, ha dichiarato Andreas Ditlev Duckert, CFO di Obton. “Questo nuovo portafoglio ci rende ancora più competitivi sul mercato, a livello internazionale, e apre a future collaborazioni tra Obton e il Gruppo E2E, nonché con primari operatori del settore che come noi sono in prima linea nel guidare la transizione energetica”.

“La cessione di un terzo circa del nostro attuale portafoglio impianti ci consentirà di continuare a crescere non solo nell’acquisizione di nuovi impianti per superare il traguardo dei 200 MWp ma anche per intensificare il programma di efficientamento tecnico del portafoglio di E2E. Non escludiamo, quindi, si possano creare nuove sinergie industriali con Obton”, ha dichiarato Gianluca Lancellotti alla guida del Gruppo E2E. 

Fondamentale, per la finalizzazione della compravendita e il consolidamento del Fondo danese sul mercato italiano, il ruolo di Carlo Montella, partner dello Studio legale Orrick, alla guida del Team Energy and Infrastructure, che ha agito come transaction advisor per tutta l’operazione. Obton è stata seguita invece da KBD e Ganapali in qualità di technical advisor. 

E2E è stata supportata da L&B Partners come legal advisor, da L&B, Ubi Investment Bank e Banca Akros come financial advisor, Moroni e Partners come technical advisor e KPMG come tax advisor.

Leggi anche Dal GSE un nuovo servizio di allerta per gli impianti fotovoltaici

Le banche coinvolte per il Change of Control sono state Banco BPM e Intesa, assistiti da DLA Piper.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui