PubMatic raggiunge il 100% di energia rinnovabile nei propri data center globali

PubMatic (Nasdaq: PUBM), azienda tech indipendente che massimizza il valore del cliente fornendo la supply chain per il digital advertising del futuro, annuncia che tutti i suoi data center a livello globale sono ora alimentati al 100% da energia rinnovabile. L’azienda ha raggiunto questo importante traguardo mentre si appresta a dare il via ad un […]

data center
via Pixabay

PubMatic (Nasdaq: PUBM), azienda tech indipendente che massimizza il valore del cliente fornendo la supply chain per il digital advertising del futuro, annuncia che tutti i suoi data center a livello globale sono ora alimentati al 100% da energia rinnovabile. L’azienda ha raggiunto questo importante traguardo mentre si appresta a dare il via ad un piano di sostenibilità completo e articolato entro la fine del 2022.

Secondo il World Economic Forum, l’infrastruttura necessaria per il regolare funzionamento di Internet consuma da sola il 2,5% di tutta l’elettricità utilizzata a livello mondiale. Per PubMatic, la maggior parte di questo utilizzo avviene all’interno di 10 data center, che cubano oltre il 90% del consumo energetico dell’azienda. Grazie a un’infrastruttura proprietaria di facile gestione, PubMatic ha un maggiore controllo sulla riduzione di consumi e sulla dipendenza dai combustibili fossili. 

leggi anche REN21: i record delle rinnovabili nel mondo sono oscurati dalle fossili

Per raggiungere il benchmark del 100%, PubMatic ha attuato una strategia di collaborazione con provider di co-locazione dei data center e l’acquisto di energia rinnovabile qualificata tramite i cosiddetti vPPA (virtual power purchase agreement) e contratti di fornitura al dettaglio. Di conseguenza, l’azienda ha investito annualmente in una quantità di energia eolica e solare sufficiente a coprire ogni unità di elettricità utilizzata nei propri data center.

“La supply chain del digital advertising del futuro sarà trasparente ed efficiente, ma anche responsabile”, afferma Rajeev Goel, co-fondatore e CEO di PubMatic. “Il settore pubblicitario deve concentrarsi sulla riduzione del proprio impatto ambientale e dare priorità alla sostenibilità delle infrastrutture ed all’operatività. Sono orgoglioso di ciò che PubMatic è riuscita a realizzare fino ad oggi, ed è solo il primo passo verso la creazione di un’azienda più sostenibile dal punto di vista ambientale”.

Il traguardo raggiunto da PubMatic rientra in una strategia di sostenibilità globale dell’azienda, che supporta, inoltre, Ad Net Zero, un’organizzazione che si impegna a ridurre a zero entro la fine del 2030 l’impatto del carbonio relativo a sviluppo, produzione e gestione della pubblicità. PubMatic prevede di sviluppare e pubblicare – entro il 2022 – obiettivi specifici incentrati sul miglioramento della sostenibilità in tutti i data center di proprietà e gestiti dall’azienda, negli uffici e nei processi di business quotidiani con clienti e partner.

Articolo precedenteAste CO2: l’Italia utilizza solo il 36% dei proventi per politiche ambientali
Articolo successivoMaterie prime critiche: Italia a rischio, necessario aumentare il riciclo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui