Rampini S.p.A presenta l’autobus a idrogeno che parla italiano

Hydron è un mezzo innovativo capace di trasportare sino a 48 persone e con un’autonomia di 450 chilometri.

Rampini autobus a idrogeno

È costruito e progettato in Umbria il primo autobus a idrogeno completamente made in Italy. A produrlo è la Rampini S.p.A, una realtà imprenditoriale innovativa situata da ottant’anni in provincia di Perugia, che rappresenta un esempio d’eccellenza italiana e la prova tangibile di come le PMI possano fare una piccola rivoluzione “verde” puntando alla mobilità sostenibilità.  

La presentazione del nuovo veicolo, battezzato non a caso “Hydron”,  totalmente alimentato a cella combustibile a idrogeno, alle autorità e alla stampa si è svolta oggi presso il centro di produzione di Passignano sul Trasimeno (PG). Hydron è un autobus a idrogeno lungo otto metri, il primo del suo genere realizzato in Italia, frutto del lavoro di studi e progettazione durato 10 anni del team Rampini.  Hydron è un mezzo innovativo, l’unico in Europa capace di trasportare sino a 48 persone, in soli 8 metri, con un’autonomia di 450 chilometri. 

Alcuni anni fa abbiamo fatto una scelta precisa e, per l’epoca, controcorrente: non costruire più autobus diesel. Una scelta compiuta in tempi non sospetti e che sollevò, nel settore industriale, non pochi dubbi. La gamma di prodotti che abbiamo presentato oggi è il nostro orgoglio, frutto di investimenti in ricerca e innovazione e la testimonianza che l’industria italiana è viva ed è in grado di esprimere l’eccellenza. L’essere sostenibili, infatti, non è solo un fattore competitivo, ma è un modo di poter esistere nel mercato e guardare con fiducia al futuro di una produzione industriale, che anche noi abbiamo contribuito ad essere apprezzata in tutta Europa.” – ha dichiarato Fabio Magnoni, Direttore Generale di Rampini S.p.A. 

Nella stessa occasione l’azienda ha svelato anche due nuovi modelli di bus a zero emissioni: Sixtron, un autobus elettrico da sei metri concepito per rispondere alle esigenze di trasporto nei piccoli centri storici di cui il nostro bel Paese è ricco ed Eltron l’evoluzione del modello E80, il primo autobus elettrico costruito da Rampini.  

Sixtron è un autobus urbano da 6 metri con piattaforma ribassata e posto per disabili. Può trasportare fino a 31 passeggeri, disponendo di grande maneggevolezza e di un’ottima autonomia, pari a circa 250 Km, pensato per lavorare senza sosta, tutto un giorno, in un utilizzo di tipo urbano.  Un primo esemplare di Sixtron è già in circolazione nell’Isola di Procida, quest’anno capitale europea della cultura. 

leggi anche Il più grande elettrolizzatore al mondo produce 100kg di idrogeno verde all’ora

Eltron, dopo anni di prova, dal 2010 è stato venduto in Italia e in diversi paesi europei ed è stato continuamente aggiornato per rispondere alle esigenze degli utenti. Eltron  ha caratteristiche tecniche peculiari tra cui una larghezza limitata, tre porte, una autonomia di oltre 300 chilometri: un risultato eccezionale per mezzi di queste dimensioni. 

Tre modelli di autobus a impatto zero che hanno richiesto mesi di progettazione e messa a punto da parte del team Rampini e che per l’azienda hanno significato un investimento in ricerca e sviluppo del 10% del fatturato. Rampini è leader indiscussa nel settore dei bus di piccole dimensioni a impatto zero. L’azienda è apprezzata anche all’estero, in Spagna, Francia, Germania, Austria e Grecia, dove gli autobus Rampini si sono imposti per gli alti contenuti tecnici e per un’affidabilità unica contribuendo a realizzare valore per il territorio, per il Paese e per le persone. La presentazione al pubblico del nuovo autobus a idrogeno e della gamma di autobus elettrici è prevista all’interno di Next Mobility Exhibition (12-14 ottobre 2022) il Salone della mobilità pubblica organizzato da Fiera Milano all’interno degli spazi di Fiera Milano Rho. 

leggi anche Decarbonizzare il sistema energetico per risparmiare 12mila mld

Articolo precedenteLe zone umide tropicali emettono 10-46 volte più metano del previsto
Articolo successivoCalotta dell’Antartide: le aree a rischio fusione sono grandi 5 volte l’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui