RSE e A2A a fianco dell’Europa con il progetto SENERGY NETS

Il progetto mira a dimostrare i benefici derivanti dall’integrazione dei diversi vettori energetici in ottica di decarbonizzazione

bando sul teleriscaldamento
via depositphotos.com

Il Gruppo A2A e Ricerca sul Sistema Energetico (RSE) sono tra i 19 membri del consorzio che si è aggiudicato il progetto europeo SENERGY NETS, nell’ambito del programma Horizon Europe. SENERGY NETS, prosecuzione del precedente progetto H2020 MAGNITUDE conclusosi nel maggio del 2021, mira a dimostrare i benefici derivanti dall’integrazione dei diversi vettori energetici in ottica di decarbonizzazione: come integrare al meglio elettricità, teleriscaldamento e gas al fine di perseguire i target europei di riduzione delle emissioni. A tal fine, attraverso un solido consorzio interdisciplinare che coinvolge 19 organizzazioni dislocate in 8 Paesi europei, il progetto svilupperà una serie di strumenti e piattaforme per incrementare la sinergia tra la pianificazione di teleriscaldamento e reti di distribuzione elettrica e gas dei paesi europei coinvolti. Queste soluzioni saranno implementate in tre diversi siti di sperimentazione situati a Milano, Lubiana e Parigi, per un
periodo complessivo di 48 mesi che si estenderà fino all’agosto 2026.

I partner direttamente coinvolti nel sito pilota italiano saranno proprio Ricerca sul Sistema Energetico, A2A, A2A Calore e Servizi e Unareti – gestore del sistema di distribuzione elettrica e gas – affiancati nel loro operato dall’Associazione Italiana Riscaldamento Urbano (AIRU) e da Federconsumatori Milano. Per il caso dimostrativo italiano, la sinergia verrà studiata con focus sulla Centrale del Teleriscaldamento Canavese di Milano di A2A Calore & Servizi, in cui è possibile sfruttare la sinergia fra pompa di calore geotermica, accumuli termici, pompa di calore per recupero di calore di scarto, boiler elettrico, caldaie, cogenerazione e (in fase di progettazione), solare termico, oltre che il recupero da centrali terze.

Il kick-off meeting del piano di lavoro si è tenuto dal 13 al 15 settembre 2022 a Karlsruhe, in Germania, sede di EIFER, European Institute for Energy Research, coordinatore di progetto. A livello europeo, il consorzio vedrà la partecipazione di esperti di fama mondiale provenienti da autorità pubbliche, fornitori di infrastrutture, istituti di ricerca, imprenditori e associazioni di consumatori: EDF – Électricité de France; CyberGrid GmbH; EIFER; Dalkia; Elektro Ljubljana; Energetika Ljubljana; Euroheat & Power; Kassel University; Ljubljani University; Maelardalens Hoegskola University; Operato; Tecnalia Research & Innovation; Veolia. Nel complesso, verranno messe in gioco le conoscenze e le competenze necessarie per sviluppare, dimostrare e valutare strumenti e servizi che consentano l’integrazione di sistemi multi-energetici. L’obiettivo del sito dimostrativo di Milano sarà, infatti, fornire flessibilità al sistema elettrico, facilitando la transizione verso un sistema energetico a basse emissioni.

Articolo precedenteVisitare Berlino: le 10 architetture contemporanee che non puoi perderti
Articolo successivoNuove rinnovabili in Italia: +2.5 GW in 6 mesi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!