Schneider Electric al WEF di Davos: più impegno per la transizione energetica

In occasione del meeting annuale del World Economic Forum, Schneider Electric chiede più impegno per accelerare la transizione energetica e affrontare la crisi dell’energia: fattori chiave decarbonizzazione ed efficienza

wef
Credits: World Economic Forum (CC BY-NC-SA 2.0)

Schneider Electric, il leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, ha lanciato oggi un appello urgente ai governi e alle aziende di tutto il mondo, affinché accelerino le loro azioni per la sostenibilità e incrementano gli investimenti nelle tecnologie che li aiuteranno a ridurre le emissioni di anidride carbonica ea rafforzare la loro sicurezza energetica.

La richiesta si inquadra in un contesto di prezzi dell’energia in aumento, crisi dell’approvvigionamento energetico e rapida accelerazione dei cambiamenti climatici, che insieme rappresentano sfide importanti per le aziende, le economie e le società di tutto il mondo. Queste sfide fanno da sfondo all’incontro annuale del World Economic Forum che si tiene a Davos, in Svizzera fino al 20 gennaio e al quale elencato i più alti dirigenti di Schneider Electric.

“Le crisi climatiche ed energetiche di oggi sono una realtà economica per un numero sempre maggiore di persone. Con i leader aziendali ei politici che si riuniscono a Davos, dobbiamo agire nel nostro migliore interesse a lungo termine, non a breve termine “, ha dichiarato Jean-Pascal Tricoire, Presidente e CEO di Schneider Electric . ” Non dobbiamo evitare le decisioni difficili. Non ci può essere prosperità a lungo termine senza una completa transizione energetica. In Schneider, il nostro approccio si basa su tre parole chiave: digitalizzare, creare strategie e decarbonizzare. Le imprese, i governi e le società devono farlo ora, per mantenere gli impegni presi”.

A livello globale, il 38% delle emissioni globali di CO2 sono prodotte dal mondo degli edifici e un ulteriore 32%; i prodotti, i software ei servizi di Schneider Electric nei settori dell’automazione industriale e della gestione dell’energia aiutano le aziende, le industrie, il settore immobiliare ei consumatori a decarbonizzare ea digitalizzare il modo in cui consumano l’energia. 

Schneider Electric, inoltre, sviluppa conoscenze su trend e soluzioni per la decarbonizzazione con indagini, ricerche e report realizzati dal suo Schneider Electric Sustainability Research Institute.

Una indagine indipendente commissionata da Schneider lo scorso anno, condotta coinvolgendo oltre 500 top manager, ha rilevato che gli impegni e gli investimenti in materia di sostenibilità sono spesso ostacolati dalla complessità della decarbonizzazione. In media, l’impegno finanziario per le iniziative di sostenibilità e decarbonizzazione delle aziende intervistate è inferiore al 2% del fatturato previsto per il triennio successivo, nonostante tali investimenti siamo spesso efficienti anche dal punto di vista dei costi, con un ritorno (ROI) che in molti casi si colloca tra meno di un anno ei tre anni.

I manager intervistati hanno dichiarato che le maggiori sfide per l’implementazione di programmi di sostenibilità sono l’allineamento degli stakeholder, il budget, la tecnologia, le competenze e le normative tuttavia, la maggior parte ha affermato che il potenziamento dell’automazione industriale e l’aggiornamento dell’infrastruttura elettrica costituiranno, nei prossimi tre anni, una parte fondamentale dei piani di sostenibilità delle aziende in cui seguirà.

Dal lato dell’offerta, l’acquisto di energia rinnovabile è tra le principali iniziative perseguite. L’elettrificazione – che è una misura chiave dal lato della domanda – è, invece, ancora poco presente tra le priorità di sostenibilità delle organizzazioni. Oltre all’elettrificazione, l’aumento dell’efficienza delle infrastrutture esistenti attraverso la digitalizzazione e l’automazione sarà una delle leve più importanti da sfruttare nel prossimo decennio – e sarà per molte realtà il mezzo più rapido ed efficiente in termini di capitale per ridurre le emissioni.

La sostenibilità diventa imperativo aziendale e le soluzioni digitali sono la chiave per superare la crisi energetica globale

Un altro recente rapporto di Schneider Electric sul potenziale di elettrificazione dell’UE ha rilevato che, concentrandosi sui settori in cui l’elettrificazione è fattibile e attrattiva, si potrebbe aumentare la quota dell’elettricità nel mix energetico da circa il 20% al 50% . A sua volta, la quota di gas naturale e petrolio si ridurrà di circa il 50%, contribuendo in modo significativo a migliorare la sicurezza energetica. Schneider Electric offre soluzioni specifiche e pratiche per aiutare le aziende ad affrontare questa transizione in modo più rapido ed efficiente.

L’azienda sottolinea che l’attuale crisi energetica europea arriva dopo decenni in cui l’energia è stata disponibile in modo sicuro e affidabile, con prezzi relativamente stabili. Molti stanno sperimentando per la prima volta l’imprevedibilità nella fornitura di energia e prezzi inaccessibili e la situazione sta facendo emergere un fallimento sia nella preparazione per avere una sicurezza energetica a lungo termine, sia nell’attuazione dei piani di decarbonizzazione. Ciò evidenzia a sua volta l’importanza di riconsiderare l’intera equazione energetica, dal lato dell’offerta (transizione energetica) a quello della domanda (efficienza energetica). 

” Scopo e profitto devono allinearsi per diventare forze potenti nella lotta contro il cambiamento climatico “, ha dichiarato Tricoire . ” Abbiamo già la tecnologia per evitare le crisi energetiche e climatiche e per garantire una distribuzione e un utilizzo dell’energia sicuri, affidabili e sostenibili. Il nostro approccio basato sui dati, che abbraccia l’automazione industriale, la digitalizzazione, le tecnologie per creare un gemello digitale del metaverso aziendale, offre una combinazione che può creare un futuro più luminoso, sostenibile e prospero. Agire non è mai stato tanto urgente come ora”.

Articolo precedenteAllianz Risk Barometer 2023: aumentano i rischi economici ed energetici
Articolo successivoL’Amazzonia emette più CO2 di quanta ne assorbe. Tranne dove la gestiscono le popolazioni indigene

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui