Sendcloud: rivenditori europei disposti a spendere per opzioni di consegna sostenibile

Il 34% sarebbe disposto a far pagare ai consumatori un extra per la consegna green, ma al momento solo l’1% dei rivenditori offre un’opzione di spedizione sostenibile

Sendcloud
Foto di athree23 da Pixabay

Il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, una data istituita dall’Onu nel 1972 per ricordare la Conferenza di Stoccolma sull’Ambiente umano, e che quest’anno ha come tema il ripristino degli ecosistemi.

Anche nel mondo dell’e-commerce, la consegna sostenibile è un’ambizione importante per molti rivenditori online. La sostenibilità ambientale è un problema sempre più sentito dai rivenditori e molti si stanno muovendo in una direzione più sostenibile rivedendo i propri processi di logistica e optando per spedizioni green. 

Secondo il rapporto di Sendcloud, la piattaforma di spedizioni e-commerce, i rivenditori europei sono sempre più motivati a contribuire al benessere del pianeta: poco meno della metà (46%) è infatti disposto a pagare costi aggiuntivi – fino a 1 euro per pacco – al fine di garantire una consegna carbon neutral. Inoltre, sembra che più della metà (63%) dei rivenditori ritenga sia importante per il loro business essere visti come eco-friendly.

Dai dati emerge che un terzo (34%) dei rivenditori è disposto a fornire ai consumatori un’opzione di pagamento extra per la consegna green, e il 51% sostiene che per i propri clienti questa possibilità rappresenterebbe un valore aggiunto nel processo di acquisto.

Tuttavia, al momento solo l’1% dei rivenditori europei offre opzioni di consegna sostenibili.

Secondo il report E-commerce Delivery Compass 2020-2021 di Sendcloud sui consumatori, i rivenditori non sono gli unici a preoccuparsi per il pianeta. La maggior parte degli acquirenti italiani ritiene inoltre che l’aumento degli acquisti online sia un problema per l’ambiente. Infatti, il 42% dei consumatori è disposto a pagare un extra per un metodo di spedizione rispettoso dell’ambiente, una percentuale superiore alla media europea

Leggi anche Una startup italiana lancia l’e-commerce per l’economia sociale

Commentando i risultati raccolti, “Abbiamo voluto scoprire chi è disposto a pagare quando si tratta di salvare il pianeta, se i consumatori o i rivenditori. Ora sappiamo che entrambi sono interessati al tema. Da questi risultati emerge come sia i rivenditori che i consumatori credano nel valore della consegna sostenibile. Il problema sembra semplicemente essere che il mercato al momento non offre abbastanza opzioni di consegna in grado di ridurre o compensare l’impronta di carbonio di un’azienda”, ha dichiarato Rob van den Heuvel, CEO e co-fondatore di Sendcloud. “La ricerca mostra che i rivenditori possono giocare un ruolo importante in questo senso, offrendo ai consumatori la possibilità di ridurre il loro impatto ambientale e allo stesso tempo assumendosi la responsabilità di pagare loro stessi una parte del conto. L’industria sta facendo grandi passi avanti per diventare più sostenibile e questo significa che stiamo facendo un altro passo nella giusta direzione“.

FONTESendcloud
Articolo precedenteCreato il comitato tecnico CEN/TC 467 sul “Climate change”
Articolo successivoAl via la prima causa climatica contro lo Stato italiano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui