Siram Veolia integra con Flexcity le soluzioni di “flessibilità elettrica”

Le realtà, offrendo il supporto necessario per la valutazione del proprio potenziale e la successiva qualifica al mercato dei servizi di dispacciamento, hanno permesso ai propri clienti di contrattualizzare il servizio tramite le aste bandite da Terna a febbraio.

Siram Veolia
Emanuela Trentin, AD Siram Veolia

Tutte le imprese industriali, di servizi, pubbliche e private potranno valorizzare le loro risorse energetiche grazie alle soluzioni di “flessibilità elettrica” offerte da Siram Veolia, che integra alla propria consolidata esperienza nel mercato dell’energia il know-how di Flexcity (gruppo Veolia), attiva da tempo sui mercati europei dei servizi di dispacciamento.

Con questa soluzione Siram Veolia è in grado di ottimizzare l’uso delle risorse di consumo, produzione e accumulo di elettricità, consentendo ai clienti di diventare parte attiva della transizione energetica contribuendo alla sicurezza del sistema elettrico nazionale nel rispetto delle proprie necessità di operatività ordinaria, ricavandone allo stesso tempo un beneficio economico.

Leggi anche Fast Reserve: i primi 250MW d’accumulo entrano nel dispacciamento

Da qualche anno, infatti, la rete elettrica ha intrapreso un percorso di transizione ecologica atto all’uso prevalente di fonti rinnovabili in sostituzione della produzione di energia da fonti tradizionali come il carbone, così da ridurre le emissioni di CO2 e arginare i cambiamenti climatici. Questo epocale cambiamento comporta delle criticità per il bilanciamento della rete, che si trova a fronteggiare repentine variazioni nell’equilibrio tra produzione e domanda dovute all’aleatorietà delle fonti rinnovabili intrinsecamente non programmabili. Diventa così essenziale la partecipazione degli utenti della rete, attori fin ad ora passivi nei meccanismi di bilanciamento, capaci attualmente di mettere a disposizione la propria flessibilità a beneficio della rete elettrica, e quindi del percorso di transizione ecologica traendone al contempo un riconoscimento economico.

Siram Veolia e Flexcity, offrendo il supporto necessario per la valutazione del proprio potenziale e la successiva qualifica al mercato dei servizi di dispacciamento, hanno permesso ai propri clienti di contrattualizzare il servizio tramite le aste bandite da Terna a febbraio. In questo modo, quando la rete elettrica si troverà in ammanco o in eccesso di energia elettrica, verrà inviato un segnale ai punti contrattualizzati che modificheranno il proprio profilo di scambio con la rete ripristinandone l’equilibrio.

Leggi anche UE: salvo il dispacciamento prioritario per i piccoli impianti solari

“Questa soluzione raccoglie la sfide della transizione energetica” commenta Emanuela Trentin, AD Siram Veolia, “attraverso le competenze di Flexcity, Siram Veolia potrà implementare i servizi di gestione energetica, partendo da un audit di flessibilità fino a rendere i propri clienti parte attiva di questo nuovo mondo di servizi e dei relativi vantaggi”.

Il Gruppo Veolia è da tempo attivo nel mercato dei servizi di flessibilità’ con un portafoglio gestito in Europa di 1.000 MW.

“Siamo felici di essere in grado di offrire il servizio anche in Italia. Lo sviluppo di questi sistemi è in linea con la missione del Gruppo di contribuire allo sviluppo sostenibile del pianeta, progettando e implementando soluzioni per la gestione ottimizzata di acqua, rifiuti ed energia” conclude Trentin.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui