Terna: concluso con successo il lancio di un green bond da 650 mln

Ottenuto grande favore da parte del mercato: richieste per circa quattro volte l’offerta. Avrà una durata di 10 anni, con una cedola del 3,875%

terna green bond
Image by martaposemuckel from Pixabay

Terna S.p.A. (“Terna” o la “Società”) ha lanciato con successo il 17 luglio un’emissione obbligazionaria green, single tranche, in Euro, a tasso fisso e per un ammontare nominale pari a 650 milioni di Euro.

L’emissione, che ha ottenuto grande favore da parte del mercato con una richiesta massima pari a circa quattro volte l’offerta, è caratterizzata da un’elevata qualità e ampia diversificazione geografica degli investitori. Il lancio del green bond è stato realizzato nell’ambito del Programma Euro Medium Term Notes (EMTN) di Terna, il cui ammontare complessivo è pari a Euro 9.000.000.000 e a cui è stato attribuito un rating “BBB+” da Standard and Poor’s e “(P)Baa2” da Moody’s.

Il green bond prevede una durata pari a 10 anni e scadenza in data 24 luglio 2033, pagherà una cedola annuale pari a 3,875% per anno e sarà emesso a un prezzo pari a 99,107%, con uno spread di 90 punti base rispetto al midswap. Il costo finale del bond sarà significativamente inferiore rispetto a quello di emissione, grazie alla precedente sottoscrizione di strumenti di copertura sui tassi d’interesse per valori inferiori rispetto alle condizioni attuali.
La data di regolamento dell’emissione è prevista per il 24 luglio 2023.

Si prevede che i proventi netti dell’emissione saranno utilizzati per finanziare i c.d. “eligible green projects” della Società, individuati o da individuare sulla base del Green Bond Framework di Terna, redatto in conformità ai “Green Bond Principles 2021” pubblicati dall’International Capital Market Association e alla Tassonomia dell’Unione Europea, finalizzata a favorire gli investimenti sostenibili.

leggi anche DL Rigassificatori-Bollette, gli emendamenti su biometano, aste FER e geotermia

Si precisa che per il prestito obbligazionario in oggetto, sarà presentata – al momento dell’emissione – una richiesta di ammissione alla quotazione sul mercato regolamentato Luxembourg Stock Exchange.

La strategia del Gruppo guidato dall’Ing. Giuseppina Di Foggia si conferma, dunque, orientata a coniugare sostenibilità e crescita, per favorire la transizione energetica in atto e generare sempre maggiori benefici per il Paese e per tutti i suoi stakeholder. Al riguardo, Terna ha predisposto e pubblicato un Green Bond Framework al fine di agevolare la trasparenza e la qualità dei green bond emessi. Tale Framework e la cosiddetta “second party opinion”, predisposta dall’advisor indipendente Vigeo Eiris (oggi Moody’s), sono a disposizione del pubblico sul sito internet della società (www.terna.it).

L’operazione è stata supportata da un sindacato di banche, nell’ambito del quale hanno agito, in qualità di joint-bookrunners: BofA Securities, BNP Paribas, Deutsche Bank, IMI-Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Santander, Société Générale, UniCredit.

Articolo precedenteLiberté, égalité, électricité: come funziona il noleggio sociale EV della Francia
Articolo successivoUE e Uruguay: più vicini su FER, efficienza e idrogeno rinnovabile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!