Liguria e Toscana recuperano il grano antico Avanzi 3- Grano 23

Insieme alla Toscana, la Regione ha iscritto congiuntamente all’Anagrafe nazionale della biodiversità il frumento “Avanzi 3- Grano 23”

semi antichi
Foto di WeAppU da Pixabay

La varietà è a rischio estinzione

Genova. Le eccellenze del gusto non conoscono confini amministrativi. E’ la storia a lieto fine di una antica varietà di frumento tenero, coltivato tra Toscana e Liguria, a rischio estinzione.

“Non possiamo perdere la straordinaria biodiversità che ci connota da sempre e che ha reso la Liguria meta di continua riscoperta ancor oggi – spiega il vice presidente con delega all’Agricoltura Alessandro Piana -.

Per questo, insieme alla Toscana, abbiamo iscritto congiuntamente all’Anagrafe nazionale della biodiversità il frumento “Avanzi 3- Grano 23”, dopo un accurato lavoro degli Uffici per rilanciarne la semina.

Un’unione etimologica simbolica, che riprende entrambe le denominazioni con cui è stato coltivato per anni sia in Liguria sia in Toscana, soprattutto in Val di Vara e in Lunigiana.

Tale operazione ben si inquadra nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale e punta al ritorno di una coltivazione capace di adattarsi bene ad ambienti di montagna o ai sistemi di coltivazione biologica.

Inoltre, mostra caratteristiche nutrizionali eccellenti. Ringrazio per la sinergia la vice presidente e assessore all’Agricoltura della Regione Toscana Stefania Saccardi, l’Università di Pisa, il Consorzio ‘Il Cigno’ e gli Uffici che hanno cooperato per questo reingresso nel paniere dei tesori del gusto made in Italy”.

Articolo precedenteProgetto IMPRESA, combattere gli stress ambientali del grano duro
Articolo successivoEnergia, incontro con vertici di Eni-Versalis

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui