Centri riutilizzo rifiuti: bando da 1 mln per enti locali

Terzi: “L’obiettivo è di migliorare e potenziare il servizio comunale di gestione integrata dei rifiuti”

LombardiaRegione Lombardia ha stanziato 1 milione di euro a favore di tutti gli Enti locali che intendono realizzare sul proprio territorio i cosiddetti ‘Centri del riutilizzo’, che contribuiscano alla riduzione della produzione di rifiuti urbani.

“Si tratta – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi – di un bando, che si aprirà quest’anno, per finanziare la realizzazione, da parte dei Comuni o delle Comunità montane, di aree coperte o locali, che permettano di intercettare beni ancora in buono stato ed evitare così la produzione di rifiuti. L’obiettivo è di migliorare e potenziare il servizio comunale di gestione integrata dei rifiuti, costituire un servizio aggiuntivo per la cittadinanza e aumentare l’occupazione, anche di soggetti svantaggiati”.

PREMIATA LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ – Il progetto di fatto attua il Programma regionale di Gestione Rifiuti e le norme comunitarie, nazionali e regionali che danno priorità alla prevenzione e riduzione dei rifiuti.

Il bando prevede che i fondi siano attribuiti in base a punteggi tecnici che favoriscano i ‘Centri del riutilizzo’ di migliore funzionalità. E’ finanziabile una percentuale delle spese ammissibili fino al 70 per cento per un importo massimo di 50.000 euro.

CARATTERISTICHE – I ‘Centri del riutilizzo’ sono locali o aree coperte, in cui viene effettuata la consegna, il deposito e il prelievo di beni usati, che non siano rifiuti, caratterizzati dal fatto di essere in uno stato tale da consentirne il loro immediato riutilizzo senza l’effettuazione di operazioni di riparazione o sostituzione di parti.

DESTINATARI – Il bando è destinato a Comuni, Consorzi esclusivamente di Comuni, Unioni di Comuni, Comunità montane (solo nel caso di centri del riutilizzo a servizio di Comuni in numero maggiore a due).

DOMANDE – Le domande devono essere presentate on line, collegandosi al sistema informativo all’indirizzo web www.siage.regione.lombardia.it, a partire dalle ore 10 del primo aprile 2015 e fino alle ore 16 del 30 aprile 2015. (Fonte: Regione Lombardia)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui