Nucleare, assessore Ambiente: dibattito su basi scientifiche senza commedie

“Il giorno in cui ci saranno tecnologie che ne garantiscono l’adozione in condizioni di assoluta sicurezza si faranno le valutazioni del caso”

kilowattora
Foto di Markus Distelrath da Pixabay

Regione avanti con valorizzazione fonti rinnovabili

Nucleare, dibattito su basi scientifiche. L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia è intervenuto nell’aula del Consiglio regionale in merito alla mozione presentata dai partiti di minoranza avente per oggetto la ‘Contrarietà di Regione Lombardia alla possibilità di sviluppo dell’energia nucleare’ e ha illustrato la posizione della Giunta al riguardo.

Leggi anche Cingolani contro tutti: sì nucleare, ambientalisti oltranzisti peggio della crisi climatica

“Regione Lombardia – ha affermato l’assessore – non ha una preclusione ideologica nei confronti del nucleare. Il giorno in cui ci saranno tecnologie che ne garantiscono l’adozione in condizioni di assoluta sicurezza, con modalità idonee e accettabili dalla popolazione, in un luogo adatto, si faranno le valutazioni del caso. Anche sulle opportunità che sarà in grado di offrire la tecnologia, se pulita e accoglibile”.

“Tali valutazioni terranno conto sia delle esigenze di sicurezza e di tutela ambientale, che delle esigenze economiche a tutela dei consumatori. A oggi, sicuramente Regione Lombardia intende portare avanti le scelte di valorizzazione delle Fonti energetiche rinnovabili (Fer) già contenute nel Piano regionale energia ambiente e clima”.

Nucleare dibattito basi scientifiche

L’assessore nel suo intervento ha sviluppato una serie di argomenti e messo a disposizione dati sui consumi energetici lombardi e del nostro Paese. Nonché sulle prospettive nel medio e lungo periodo. Ha portato quindi ad esempio altre esperienze europee, per evidenziare una serie di ragioni che giustificano e spingono per un affronto dei temi più attento. Meno ideologico e pregiudiziale.

Mozione respinta

“Per questo – ha precisato l’assessore all’Ambiente e Clima – bene ha fatto il Consiglio regionale a respingere una mozione. La quale, anziché favorire una discussione pacata, fondata su basi scientifiche e argomenti ragionati, chiudeva ideologicamente qualunque dibattito sul tema del nucleare”.

Discussione non nel merito

“Probabilmente – ha concluso – a qualche gruppo politico non interessava fare una discussione nel merito. Ma solo una sceneggiata a favore di telecamere. Che anche in quest’occasione, infatti, non hanno mancato di mettere in campo. E questa purtroppo è la cifra della loro serietà”.

ama

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui