Siccità: Fontana firma decreto per affrontare grave situazione

Il decreto raccomanda “a tutti i cittadini di utilizzare la risorsa acqua in modo estremamente parsimonioso, sostenibile ed efficace, limitandone il consumo al minimo indispensabile”.

Soluzioni alla siccità: per il WWF, creare più invasi è inutile e dannoso
Campi secchi a causa della siccità tra Milano,Pavia e Novara, marzo 2022. Credit: European Union, Copernicus Sentinel-2 imagery

Tutto il nord Italia vive la peggiore siccità da 70 anni

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha firmato oggi un decreto con il quale – a causa della grave situazione di deficit idrico che sta interessando il territorio e a sostegno della popolazione, dell’ambiente e delle attività produttive interessate – dichiara lo ‘stato di emergenza regionale’ che resterà in vigore fino al 30 settembre 2022.

Decreto siccità Lombardia

Il decreto raccomanda “a tutti i cittadini di utilizzare la risorsa acqua in modo estremamente parsimonioso, sostenibile ed efficace, limitandone il consumo al minimo indispensabile”.

Limitazione acqua

Inoltre, la Regione mette a disposizione dei Sindaci dei Comuni della Lombardia uno schema di ordinanza (parte integrante del decreto), su risparmio idrico e limitazioni per l’uso dell’acqua potabile, raccomandandone la relativa adozione, salvo eventuali integrazioni ad essa in base allo specifico contesto e agli effetti della crisi idrica nei rispettivi territori.

Raccomandazioni ai Comuni

Il decreto raccomanda ai Comuni della Regione di limitare il più possibile l’impiego dell’acqua potabile per attività per le quali non ne sia necessario l’uso (quali ad esempio il lavaggio strade, l’irrigazione dei parchi pubblici e degli impianti sportivi quali campi di calcio, tennis, golf, ecc).

Decreto Lombardia per siccità e fonti alternative

Il decreto firmato dal presidente Fontana esplicita altresì “di dare atto, in relazione alla situazione in essere, della necessità che gli enti competenti pongano in essere le azioni necessarie a contenere e ridurre le conseguenze della crisi idrica in atto, ivi compresa l’attivazione, ove possibile, di fonti alternative di approvvigionamento idrico”

Gestione parsimoniosa

E ancora “di stabilire che: nei bacini idrografici della Lombardia le utenze irrigue concessionate, sia relative ad acque superficiali che sotterranee, dovranno essere gestite con parsimonia; in particolare, al fine di assicurare la massima valorizzazione della risorsa idrica irrigua disponibile i concessionari delle utenze irrigue daranno priorità al servizio irriguo tenendo conto delle colture e della loro fase fenologica”.

Uso accorto risorse

I concessionari delle utenze irrigue dovranno valutare “l’attivazione presso i propri consorziati di campagne di sensibilizzazione per l’uso accorto della risorsa idrica orientate al soddisfacimento dei reali fabbisogni irrigui delle colture” e “tutte le utenze irrigue assoggettate agli obblighi di monitoraggio previsti dalla D.G.R. 6035/2016 dovranno intensificare la frequenza di trasmissione dei dati al Centro Dati Acqua e Territorio Rurale che gestisce il sistema regionale di monitoraggio. I dati relativi ai prelievi e ai deflussi rilasciati nei corsi d’acqua devono essere trasmessi con cadenza settimanale al Centro Dati Acqua e Territorio Rurale che li condivide con ARPA Lombardia”.
Cosa prevede per i gestori

E’ quindi previsto che i gestori delle strutture acquedottistiche procedano alla più razionale gestione della risorsa idropotabile; segnalino tempestivamente – sia alla Direzione generale Territorio e protezione civile della Regione Lombardia che agli Uffici d’Ambito – eventuali casi di criticità delle fonti di approvvigionamento nonché le misure adottate per fronteggiarle ed inviino report settimanali sia alla Direzione generale Territorio e Protezione civile della Regione Lombardia che agli Uffici d’Ambito sulla situazione in atto, indicando eventuali misure di prevenzione da adottare, sia gestionali che strutturali; le situazioni rappresentate in tali segnalazioni e comunicazioni devono essere costantemente monitorate dagli Uffici d’Ambito, in raccordo con gli uffici regionali.

Richiesta Cabina di regia

Il decreto contiene anche la richiesta “alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile di formalizzare la costituzione di una Cabina di regia permanente, congiunta tra lo Stato e le Regioni, a seguito della riunione tecnica urgente del 22/6/2022, per il monitoraggio della crisi idrica a livello nazionale e per la predisposizione di azioni finalizzate, sulla base della evoluzione degli scenari di severità idrica in corso, a fronteggiare adeguatamente la situazione emergenziale”.

Articolo precedenteIncendi boschivi, dal 24 giugno scatta lo stato di grave pericolosità
Articolo successivoAl via bando per la rottamazione delle vecchie stufe

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui