Nasce nelle Marche il distretto biologico più grande d’Europa

Carloni: ” Sarà il distretto biologico più grande d’Europa che renderà forti i prodotti e soddisferà i consumatori alla ricerca di qualità e salute nell’alimentazione”

Riforma della Pac: gli agricoltori cechi contro Copa-Cogeca
Foto di WikiImages da Pixabay

Hanno aderito 2.100 imprese agricole

“Il primo distretto biologico delle Marche nasce con numeri straordinari: hanno aderito oltre 2100 imprese agricole, piccole e grandi insieme, con 71 mila ettari complessivi a biologico e in conversione produttiva, pari al 60% della superficie coltivata a biologico nella regione e 100 milioni di fatturato. Proprio ieri abbiamo chiuso lo sportello per il riconoscimento del distretto e i risultati sono chiari. Sarà il distretto biologico più grande d’Europa che renderà forti i prodotti e soddisferà i consumatori alla ricerca di qualità e salute nell’alimentazione”.

Lo ha annunciato il vicepresidente della Regione Mirco Carloni al Sana di Bologna: il Salone internazionale del biologico e del naturale che richiama produttori e consumatori da tutto il mondo. Le Marche sono presenti con 22 aziende: 16 nella collettiva realizzata dall’associazione dei produttori Food Brand Marche e 6 nello stand regionale. Altre 15 aziende, pur non presenti, hanno esposto i propri prodotti nello stand istituzionale della Regione. Il Sana, ha rimarcato Carloni, “è una eccezionale vetrina soprattutto per i nostri produttori. Insieme alla Camera di commercio abbiamo deciso di fare una collettiva, qui al Sana, dove hanno potuto partecipare anche le piccole imprese. Le abbiamo sostenute perché molte, da sole, non avrebbero potuto partecipare. Da Bologna diciamo, ai consumatori, che il cibo delle Marche ha tutti i requisiti di qualità e l’opportunità di aggredire i mercati a maggiore valore aggiunto”. La strada tracciata è quello del distretto biologico: “Le Marche vantano il primato di regione a maggiore superficie biologica d’Europa (22%). Col distretto unico siamo riusciti a creare sinergia tra le imprese, lavorando assieme sulla promozione e il marketing per far conoscere ai consumatori la qualità del bio marchigiano. L’obiettivo del distretto è proprio quello di fungere da volano di promozione nelle fiere e nei mercati, dando la possibilità ai consumatori di riconoscere i nostri prodotti come prodotti d’eccellenza, frutto di un’agricoltura etica pensata per la salute del consumatore. Un’agricoltura che merita di essere conosciuta e valorizzata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui