Il primo volo transatlantico a zero CO2 “netta”? Partirà da Londra nel 2023

Virgin Atlantic si è aggiudicata i finanziamenti governativi a sostegno del progetto. Il prossimo anno uno dei Boeing 787 di punta della compagnia volerà da Londra a New York alimentato solo da SAF e compensando le sue emissioni con crediti di carbonio

volo transatlantico a zero CO2
via depositphotos.com

(Rinnovabili.it) – Il primo volo transatlantico a zero emissioni di CO2? È quello che partirà il prossimo anno dall’aeroporto londinese di Heathrow per atterrare circa sette ore dopo al John F. Kennedy di New York. È il progetto lanciato dal Governo britannico che supporterà economicamente la Virgin Atlantic per renderlo possibile. L’iniziativa coinvolge anche Rolls-Royce, Boeing, l’Imperial College London, l’University of Sheffield, il Rocky Mountain Institute (RMI) e ICF ed è stata salutata a metà dicembre dal Dipartimento dei Trasporti UK con grande soddisfazione. 

“Per decenni, volare da Londra a New York ha simboleggiato la capacità dell’aviazione di connettere le persone e guidare il progresso internazionale”, ha dichiarato il segretario ai trasporti Mark Harper. “Ora sarà anche in prima linea nella riduzione delle emissioni di carbonio derivanti dai viaggi aerei. Questo volo non solo aprirà la strada alle generazioni future, ma dimostrerà quanto possiamo ottenere lavorando insieme su un obiettivo condiviso: riunire alcune delle migliori aziende e accademici del mondo e guidati da una compagnia britannica”.

leggi anche Cala il prezzo europeo del gas e le bollette 2023 segna un -19.5%

Ma al di là dei facili entusiasmi è bene fare una precisazione: il primo volo transatlantico a zero CO2 non sarà realmente privo di emissioni. L’iniziativa coinvolgerà un Boeing 787 della Virgin Atlantic dotato di motori Rolls-Royce Trent 1000. Al posto del tradizionale cherosene sarà impiegato esclusivamente un carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) ottenuto da oli e grassi esausti. Si stima che i SAF possano ridurre le emissioni di carbonio di oltre il 70% rispetto al carburante fossile convenzionale, considerando tutto il ciclo di vita. E la restante parte? Verrà compensata tramite crediti di carbonio generati da progetti di rimozione della CO2 nel biochar.

Leggi anche Carburante aereo sostenibile dalla lignina, per un SAF al 100%

“In qualità di compagnia aerea fondata e impegnata nell’innovazione, siamo orgogliosi di guidare un consorzio intersettoriale di partner per fare la storia dell’aviazione operando il primo volo 100% SAF attraverso l’Atlantico”, ha dichiarato Shai Weiss, CEO di Virgin Atlantic. “Sarà un onore spianare la strada affinché questo importante percorso di business e leisure diventi ancora più sostenibile”.

Articolo precedenteSolfiti negli alimenti, il parere dell’EFSA
Articolo successivoLegge di Bilancio: quali novità su riciclo e rifiuti nella manovra?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui