Ecco Apricale, l’hypercar a idrogeno disegnata da Pininfrina

La britannica Viritech ha presentato al Goodwood Festival of Speed, la prima vettura al mondo a raggiungere prestazioni da hypercar a emissioni zero e con un peso di soli 1.000 kg.

Apricale hypercar idrogeno

(Rinnovabili.it) – Potente, veloce e lussuosa. Ma soprattutto a emissioni zero. È Apricale, l’hypercar a idrogeno progettata dalla startup britannica Viritech e presentata ufficialmente ieri a Goodwood, uno dei più importanti circuiti automobilistici del Regno Unito. L’azienda ha scelto il Goodwood Festival of Speed (dal 23 al 26 giugno) come vetrina d’eccezione per il suo bolide a fuel cell, una quattro ruote che promette da subito d’essere ricordata. Con una potenza di 1.000 cavalli e un peso sotto i 1.000 kg, Apricale è la prima vettura al mondo a raggiungere prestazioni da hypercar a emissioni zero.

“Finora le celle a combustibile idrogeno sono state utilizzate come range extender per propulsori connessi a batterie come elemento centrale”, spiega Matt Faulks, CTO di Viritech. “Noi abbiamo ribaltato questo approccio, sviluppando un gruppo propulsore attorno a un sistema di fuel cell da centinaia di kW, supportato da una batteria leggera ma altamente efficiente”. Ciò offre prestazioni equiparabili ai bolidi con motori endotermici, ma a meno della metà del peso delle hypercar elettriche.

Nel dettaglio, le celle a combustibile sono combinate con esclusive celle agli ioni di litio Ultra High Power. Mentre le prime forniscono la principale forza motrice di Apricale, le seconde garantiscono potenza aggiuntiva per l’accelerazione, oltre a un accumulo per l’energia dei sistemi di frenata rigenerativa. Il sistema di gestione dell’energia creato da Viritech, Tri-Volt™ e l’elettronica di potenza, permettono di integrare il funzionamento dei due elementi per avere sempre altissime prestazioni. Ma il punto di svolta è rappresentato dai leggeri serbatoi “Graph-Pro” costruiti nella struttura del telaio in fibra di carbonio, che permettono alla vettura di trasportare circa 5,4 kg di idrogeno a una pressione di 700 bar.

Silvio Angori, CEO di Pininfarina che ha ottimizzato il design, descrive il progetto come “una sintesi di tecnologia, sostenibilità, bellezza e, soprattutto, performance”. La startup sta oggi discutendo con l’azienda italiana per realizzare una tiratura limitata di 25 Hypercar a idrogeno presso il suo atelier di Cambiano.

Articolo precedenteIl caldo estremo segna nuovi record in tutto l’emisfero boreale
Articolo successivoL’Ocse contro i sussidi PAC: inutili per limitare i gas serra dell’agricoltura UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui