Arriva la Born, l’auto elettrica Cupra che è green 2 volte

L’auto elettrica Cupra è realtà, con l’arrivo della emissioni zero “Born”. Con 500 km di autonomia, avrà in abitacolo e dei sedili fatti con materiali derivati dal recupero e dal riciclo della plastica ripescata in mare

Auto elettrica Cupra

di Andrea Barbieri Carones

(Rinnovabili.it) – A novembre arriverà nei concessionari la prima auto elettrica Cupra. Un’auto elettrica, la Born, che rappresenta il primo prodotto emissioni zero dell’azienda spagnola nata nel 2018 da una costola di Seat, che a sua volta è parte del gruppo Volkswagen.

La Born è stata presentata a Barcellona, città nel cui hinterland è situato il quartier generale di Cupra. Da qui, manager e ingegneri hanno iniziato a pensare e progettare questa prima auto elettrica Cupra, che in realtà è ecosostenibile 2 volte.

Andando con  ordine: anche se assemblata nello stabilimento tedesco di Zwickau – dove prima della caduta del Muro di Berlino veniva costruita l’icona “Trabant” – la Born ha un’anima e un cuore spagnolo. Ma soprattutto ha una tecnologia che permette di viaggiare per circa 500 km senza dover ricaricare.

E, cosa da non sottovalutare, in appena 7 minuti “alla spina” aumenta la sua autonomia di 100 chilometri, purché ci si attacchi a un punto di ricarica da 170 kW. In pratica, il tempo di un caffè al banco. Se invece del caffè, si preferisce una pizza al self service, in 35 minuti la batteria elettrica si ricarica per l’80%.

Leggi anche Modello RSE: a Milano la ricarica dei veicoli elettrici si adatta al futuro

Il tutto tramite un’app, attraverso cui è possibile pagare il pieno di energia in migliaia di colonnine di ricarica in tutta Europa.

L’auto elettrica Cupra? Con sedili derivati dal riciclo della plastica

Ritornando alla sostenibilità dell’auto elettrica Cupra, la Born – come detto – è green 2 volte. Una prima volta per il motore emissioni zero, di cui si è detto. 

La seconda per l’abitacolo. Questi, infatti, rappresenta in pieno l’impegno del costruttore spagnolo a favore della sostenibilità, riducendo il suo impatto sull’ambiente. Un proposito che va oltre la semplice riduzione delle emissioni di CO2. Infatti l’abitacolo della Cupra Born è realizzato con materiali ecosostenibili.

La parte centrale dei sedili è in Seaqual® Yarn. Di che si tratta? Di un filato ricavato dalla lavorazione delle microplastiche recuperate dagli ambienti marini. I materiali provenienti dalle spiagge, dalla superficie o dai fondali oceanici – oppure arrivati all’oceano attraverso fiumi – vengono raccolti e suddivisi per tipo di materiale.

I materiali plastici vengono puliti e trasformati in plastica marina riciclata, utilizzata poi per realizzare i nuovi prodotti sostenibili con cui sono realizzati i suddetti sedili.

Leggi anche Una 2a vita alle batterie al litio: nasce la filiera italiana del recupero

L’approccio ecosostenibile è confermato dalla scelta dei materiali per gli interni. Dinamica® è una microfibra utilizzata per il rivestimento dei pannelli delle portiere e dei braccioli anteriori. È possibile avere anche i sedili sportivi avvolgenti in Dinamica ® nelle varianti Blu Aurora o Grigio Granito sempre abbinati alla regolazione elettrica e alla funzione di riscaldamento e massaggio.

Nel frattempo, gli ingegneri stanno lavorando alla progettazione del Suv elettrico Cupra Tavascan, che sarà lanciato nel 2024. L’anno successivo sarà la volta di una city car. Sempre emissioni zero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui