Biden prepara 3 miliardi per potenziare la filiera USA delle batterie al litio

I 3,16 mld di dollari andranno a 30 grandi aziende del settore, che dovranno pareggiare l’investimento con capitale proprio

Litio geotermico: il progetto EuGeLi estrae i primi kg con concentrazione 180 mg/l
via depositphotos.com

Gli USA vogliono diminuire la dipendenza dalla Cina sulle battere al litio

(Rinnovabili.it) – Oltre 3 miliardi di dollari per 30 grandi aziende all’avanguardia nell’assemblaggio e riciclo delle batterie al litio. Gli Stati Uniti spingono sulla creazione di una filiera nazionale dell’energy storage. Filiera che, ad oggi, è dominata dalla Cina: il 70% della manifattura globale si trova nel paese asiatico. Che è anche il mercato più grande per gli EV. Sforzi in questo senso erano già contenuti nel piano sulle infrastrutture da 1.000 mld di dollari presentato nei mesi scorsi. Adesso dalla Casa Bianca arrivano altri 3,16 mld.

Per cosa serviranno? “Gli investimenti infrastrutturali sosterranno la creazione di strutture commerciali nuove, adattate e ampliate, nonché dimostrazioni di produzione e riciclaggio delle batterie”, spiega il Department of Energy americano in una nota. Investimenti che contribuiscono a raggiungere l’obiettivo sulla mobilità pulita fissato dal presidente Joe Biden a inizio mandato: metà delle auto vendute in America nel 2030 dovranno essere veicoli elettrici.

Leggi anche Biden mette 7,5 mld per una rete nazionale di colonnine di ricarica

Per quanto sostanzioso, il pacchetto di investimenti annunciato dal DoE è appena una goccia rispetto al volume totale necessario per recuperare il tempo perduto e raggiungere la prima della classe, la Cina. Gli Stati Uniti sono rimasti indietro rispetto alla Cina di 511 GWh/anno nel 2020, e ai ritmi di oggi il divario è destinato ad aumentare. Il gap sarà di oltre 1700 GWh/anno nel 2025.

Per avere un’idea dell’ammontare di denaro necessario, basta pensare che 1 miliardo di dollari nella produzione di batterie produce un output di circa 10 GWh all’anno. Gli investimenti incrementali nella produzione di batterie negli Stati Uniti per raggiungere la Cina richiederebbero quindi 175 miliardi di dollari nei prossimi 3 anni.

Leggi anche Biden, dal 2030 il 50% dei veicoli venduti sarà elettrico

Il piano permetterà di “aumentare la nostra competitività ed elettrificare il nostro sistema di trasporto”, ha detto il segretario dell’Energia Jennifer M. Granholm. “L’investimento storico del presidente Biden nella produzione e nel riciclaggio delle batterie darà alla nostra catena di approvvigionamento nazionale la scossa di cui ha bisogno per diventare più sicura e meno dipendente da altre nazioni, rafforzando la nostra economia di energia pulita, creando posti di lavoro ben pagati e decarbonizzando il settore dei trasporti”.

Articolo precedenteEDPR: utile netto di 66 milioni di euro nel 1° trimestre
Articolo successivo“La guerra nel piatto”: l’agroalimentare tra crescita e crisi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui