Scania: il camion ibrido coperto di celle solari inizia i test

Secondo le prime stime, ancora tutte da confermare, l’integrazione delle celle solari sul rimorchio dovrebbe permettere un risparmio di carburante del 10% in Paesi come la Svezia e del 20% territori più assolati come la Spagna

camion ibrido fotovoltaico
Credits: Scania

Il Governo svedese ha co-finanziato il progetto del primo camion ibrido fotovoltaico

(Rinnovabili.it) – Il settore dei trasporti su strada sta tentando diverse soluzioni per alleggerire il proprio peso emissivo. C’è chi, come Tesla, punta sulle batterie, chi sull’idrogeno come Volvo e Daimler, e chi sperimenta nuove forme di ibridizazzione. É il caso di Scania, antesignana degli esperimenti sulla trazione elettrica, che oggi è pronta a testare su strada un camion ibrido fotovoltaico. Il mezzo fa parte della sua nuova flotta diesel-elettrico a cui è stata aggiunta un’importante modifica funzionale: il rimorchio è stato rivestito di celle solari.

Non è la prima vola che si vedono esperimenti del genere nei veicoli pesanti. Nel 2017 il produttore tedesco Dethleffs aveva annunciato un prototipo di camper solare, rimasto tuttora a livello prototipale. Scania, però, fa un passo in più e porta lo speciale camion ibrido fotovoltaico direttamente sull’asfalto. L’autocarro sarà utilizzato nei trasporti quotidiano dall’azienda svedese Ernst Express, la stessa che ha anche collaborato con Scania nelle prove della prima strada elettrica al mondo con linee di contatto aeree. 

Nel dettaglio Ernst Express gestirà un rimorchio rivestito di celle solari lungo 18 metri per un’area totale (lati e tetto) di 140 metri quadrati. La produzione energetica è strettamente legata al luogo di utilizzo: per la Svezia, la società ha calcolato circa 14mila kWh l’anno, ma la cifra si dovrebbe alzare a latitudini più basse.

Leggi anche Scania, leader del trasporto sostenibile

“Le celle solari sono state precedentemente impiegate su barche e roulotte, ma solo per alimentare dispositivi ausiliari come frigoriferi e cucine e mai come propulsore vero e proprio”, afferma Eric Falkgrim, Technology Leader della Vehicle Design presso Scania R&D.

Ovviamente l’obiettivo non è alimentare il mezzo solo con la luce solare – impresa impossibile allo stato attuale – ma generare un risparmio nei consumi. Uno studio preliminare ha calcolato che il camion ibrido fotovoltaico potrebbe tagliare del 5-10% il fabbisogno di carburante se impiegato nella Svezia centrale; in Spagna la percentuale raddoppierebbe.

Il progetto di ricerca esaminerà anche se il rimorchio può immettere elettricità in rete quando le batterie sono completamente cariche e il camion è parcheggiato, ad esempio, durante i fine settimana. L’iniziativa è stata finanziato pubblicamente dall’agenzia per l’innovazione del governo svedese Vinnova e, oltre a Scania ed Ernst Express, impegna anche Midsummer che produce i pannelli solari, l’Università di Uppsala, che conduce ricerche avanzate su celle solari più efficienti, e la società energetica Dalakraft.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui