Ecco Nathalie, la supercar elettrica alimentata a metanolo

La casa automobilistica fa sapere che sono aperte le prenotazioni. Prime consegne a partire dalla seconda metà del 2021, ma il prezzo è davvero per pochi.

Nathalie supercar elettrica
Credit: Gumpert Aiways

Dal genio di Roland Gumpert nasce la prima supercar elettrica al metanolo

(Rinnovabili.it) – Una velocità massima di 300 chilometri orari, solo 2,5 secondi per accelerare da zero a 100, ben 820 km di autonomia e solo 3 minuti per fare il pieno. Questi i numeri di Nathalie, la supercar elettrica di Gumpert Aiways, joint-venture sino-tedesca. Dietro le ottime prestazioni c’è qualcosa di abbastanza inedito per il settore dell’e-mobility: niente spine, propulsione ibrida o serbatoi a idrogeno: la sportiva è alimentata da fuel cell a metanolo.

Il concept era stato presentato lo scorso marzo, in occasione del Salone di Ginevra 2019. Oggi la casa automobilistica fa sapere che sono aperte le prenotazioni, per entrare nella fase di consegna vera e propria a partire dalla seconda metà del 2021.

“La nuova Nathalie è una supercar elettrica senza compromessi”, si legge sul sito della Gumpert Aiways. “È uno dei veicoli più veloci e dinamici che possono essere guidati su una normale autostrada […] è l’incarnazione della libertà (senza oneri ecologici), del movimento senza limiti o preoccupazioni, e della velocità nella sua forma più pura. È quello che vorremmo avere quando immaginiamo il futuro”.

La cella a combustibile, posta sotto il cofano, fornisce 15 kW di potenza continua a un motore elettrico da 400 kW (536 CV). Tra questi due elementi si trova una batteria tampone in grado di regalare elettricità extra qualora sia necessario passare ad una guida più veloce e vivace; la batteria può essere caricata sia dalla fuel cell che dal sistema di recupero dell’energia di frenata di cui è dotata Nathalie.

Leggi anche Auto a idrogeno: dall’Australia arriva la svolta nell’elettrolisi dell’acqua

Per quanto riguarda i 536 cavalli di potenza motrice, Gumpert li ha distribuiti uniformemente inserendo un motore elettrico su ogni ruota. L’auto possiede un serbatoio da 65 litri per il metanolo, che assicura un’autonomia di guida di 820 km ad una velocità di crociera di 120 km/h.

La mia visione di auto elettrica che non si ferma con la batteria scarica ha aperto la strada a questa innovazione”, afferma Roland Gumpert, CEO di Gumpert Aiways. “Oggi, un anno dopo, siamo in grado di presentare la prima auto di serie al mondo con una cella a combustibile a metanolo”.

Come fare il pieno? La società prevede un “servizio di consegna durante la notte” nei mercati di lancio come Germania, Austria e Svizzera. Più avanti il progetto sosterrà lo sviluppo di una catena di approvvigionamento in Nord America e Medio Oriente. In ogni caso, la supercar elettrica rimarrà un prodotto per pochi e non solo per il prezzo (si parte da 407.500 euro). La Gumpert Aiways ha in programma di costruire non più di 500 Nathalie.

Leggi anche Idrogeno e batterie assieme, ecco l’auto elettrica ibrida che parla austriaco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui