Nio ET7, la berlina elettrica cinese che sfida la Tesla

Oltre 1.000 km di autonomia con una ricarica, guida assistita e interni ricavati dalle palme. La quattro ruote presentata al Nio Day di Chengdu sfida l’e-mobility occidentale

Nio ET7 berlina elettrica cinese

La berlina elettrica NIO ET7 testerà la nuova tecnologia d’accumulo a stato solido

(Rinnovabili.it) – Ad alte prestazioni, intelligente, ecologica e “made in China”. È Nio ET7, la berlina elettrica creata dalla rivale orientale di Tesla. Il modello è stato presentato il 9 gennaio, durante il Nio Day di Chengdu, grande evento celebrativo divenuto ormai prassi nel mondo dell’automotive globale. L’obiettivo di queste giornate è sempre stupire; target raggiunto in pieno anche dal produttore cinese che ha voluto affiancare al veicolo il lancio di un pacco batterie a stato solido da 150 kWh e di una nuova stazione per la sostituzione delle stesse. “L’ET7 lanciato in questo NIO Day è un nuovo inizio per i veicoli elettrici intelligenti”, ha affermato William Li, fondatore, presidente e CEO della società. “Continueremo ad investire in prodotti e tecnologie e nello sviluppo della nostra rete di servizi, offrendo così agli utenti una migliore esperienza dei veicoli elettrici intelligenti”.

Leggi anche Da VW i robot di ricarica mobile per le auto elettriche

Cosa ha di speciale il nuovo modello? Oltre ad essere la prima berlina elettrica della casa automobilistica cinese, la ET7 compete direttamente con i migliori modelli americani. Il veicolo offre una potenza massima di 480 kW (643 CV), suddivisa tra un motore da 180 kW che aziona le ruote anteriori e un’unità da 300 kW nella parte posteriore. La coppia massima è di 850 Nm e può accelerare da 0-100 km / h in 3,9 secondi. Il modello sarà lanciato sul mercato con due opzioni per il pacco batteria, da 70 e 100 kWh; opzioni che diverranno tre entro la fine del 2022, grazie ai 150 kWh regalati dalla nuova tecnologia d’accumulo a stato solido. Con una densità di energia di 360 Wh / kg (l’attuale batteria Tesla Model 3 offre circa 260 Wh / kg), secondo l’azienda questo pacco darà all’ET7 un’autonomia di oltre 1.000 km con una carica.

Leggi anche Vehicle to Grid, le auto elettriche Nissan hanno aperto la strada al futuro

Uno degli elementi più caratterizzanti della berlina elettrica cinese sarà il sistema di guida autonoma NAD. Tra telecamere, LIDAR, sensori ad ultrasuoni e radar a onde millimetriche, il veicolo, l’auto può generare fino a 8 GB di dati al secondo, elaborati da quattro processori Nvidia Drive Orin. L’obiettivo è implementare progressivamente la modalità driverless, sebbene la strada da percorrere sia ancora lunga. “NIO  – si legge nella nota stampa della società – ha sviluppato la capacità di guida autonoma full-stack per fornire un’esperienza punto a punto sicura e senza sforzo che coprirà gradualmente scenari come superstrade, aree urbane, parcheggi e sostituzione della batteria”. A chiudere il quadro sono i nuovi materiali impiegati, a partire dal Karuun® ottenuto dal rattan.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui