Per l’80% dei consumatori è ora di passare ad auto vegane

Il settore automotive sta compiendo importanti passi verso una transizione energetica ma secondo la Vegan Society non è possibile completare il percorso senza il passaggio ad auto vegane.

Le auto vegane sono il futuro del settore?
Foto di Joe da Pixabay

(Rinnovabili.it) – La Vegan Society ha prodotto un sondaggio sull’utilizzo di animali per la produzione di veicoli e sulla domanda, tra i consumatori, di auto vegane.

Il settore automobilistico è tra quelli che maggiormente contribuiscono ai cambiamenti climatici, e per questo è ampiamente soggetto a una serie di restrizioni e di obiettivi volti a renderlo maggiormente sostenibile, basti pensare al fatto che durante la COP26 undici grandi aziende dell’automotive hanno firmato una dichiarazione in cui si impegnano ad accelerare il passaggio ad auto e furgoni al 100% a emissioni zero. Il testo impegna le aziende a completare il percorso “a livello globale entro il 2040 e non oltre il 2035 nei mercati leader”.

Se molta attenzione è dedicata agli investimenti su tecnologie sostenibili e processi di produzione ecocompatibili, ancora scarso interesse suscitano gli impatti derivanti dall’utilizzo di animali, tema che invece interessa molto i consumatori, come dimostrato dall’indagine.

Auto vegane? Quasi l’80% dei consumatori dice sì

L’utilizzo di animali investe molti aspetti del processo di produzione delle auto, dai sedili in pelle ai grassi utilizzati per pneumatici e la lubrificazione dei metalli. Per completare l’interno di una sola auto possono essere utilizzate le pelli di diverse mucche. I prodotti utilizzati sono spesso sottoprodotti dell’agricoltura animale, uno dei settori che genera maggiori impatti climatici.

Il sondaggio di Vegan Society ha intervistato in forma anonima 750 consumatori chiedendo loro le proprie opinioni etiche e ambientali sull’eventualità della produzione di auto vegane.

L’84,6% degli intervistati nel sondaggio ritiene che il settore automobilistico debba impegnarsi maggiormente per essere sostenibile e il 79,7% è favorevole all’utilizzo di pelli vegane in alternativa a quelle di vacca e di toro.

Il consumatori risultano particolarmente favorevoli alla produzione di auto vegane al 100%, con una percentuale del 75,2% che vorrebbe la rimozione completa dei prodotti animali dai veicoli: di questi, il 43,6% ritiene che non sia affatto necessario utilizzarli, il 17,9% per ragioni ambientali, il 13,7% spinto da motivi etici. A essere in disaccordo sulla necessità di rimuovere gli animali dal processo di produzione della auto, appena il 10,7% degli intervistati.

Le auto vegane non bastano a rendere sostenibile il settore

Molti marchi automobilistici sono al momento impegnati in passaggi all’elettrico nella produzione e nell’alimentazione dei veicoli, ma uno scarto verso la sostenibilità, secondo la Vegan Society, non può essere compiuto senza la rimozione degli animali dal processo di produzione, “un passo necessario e non insignificante”. Nonostante questo, il gruppo sottolinea come la soluzione delle auto vegane sono sia definitiva perché in generale occorrerebbe emancipare le società dalla dipendenza dalle auto e dal trasporto privato, a favore di metodi ecocompatibili e socialmente responsabili.

Articolo precedenteLa Toscana capofila di un progetto di utilizzo di rifiuti del design
Articolo successivoDecessi per ondate di calore: in Europa sono già quasi 10.000

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui