Polestar O2, la decappottabile elettrica dotata di drone

Sostenibilità e tecnologia si uniscono nella nuova roadster a batteria disegnata dal produttore svedese. A bordo materiali riciclati ed “etichettati” per facilitare il recupero a fine vita

decappottabile elettrica
Credits: Polestar

La decappottabile elettrica di Polestar strizza l’occhio all’economia circolare

(Rinnovabili.it) – Bagno mediatico per la nuova decappottabile elettrica ad alte prestazioni, firmata Polestar. Il marchio sino-svedese, nato dell’accordo tra Volvo Cars e Geely, ha presentato in questi giorni la concept car, e oggi è pronto a scommettere di aver in mano il futuro delle roadster sportive

Polestar O2, questo il nome mezzo, nasce come evoluzione della Precept 2020 da cui si distingue grazie ad un corpo più sinuoso e una maggiore aerodinamicità. Progettata per una guida vivace, leggera e sicura, la decappottabile elettrica è stata realizzata a partire da uno speciale telaio in alluminio. La struttura è composta da diversi tipi di leghe di alluminio laminate, pressate, fuse ed estruse che vengono successivamente unite tra loro con una serie di tecniche diverse, tra cui quella dell’incollaggio.

leggi anche Auto elettrica o tradizionale: il confronto economico nelle analisi dell’Rse

Il produttore ha ottimizzato l’aerodinamica attraverso una serie di interventi come, ad esempio, luci posteriori impiegate come lame d’aria per ridurre la turbolenza dietro l’auto. In Polestar O2, tutti i componenti morbidi dell’abitacolo sono stati realizzati con poliestere riciclato. Il team progettista ha anche adottato un sistema di etichettatura per il diversi gradi di alluminio impiegati nel mezzo, che permette di facilitarne il riconoscimento e il riciclo una volta giunti al fine vita.

Maximilian Missoni, Head of Design del marchio, spiega “Polestar O2 rappresenta la nostra visione di una nuova era per le auto sportive. Unendo il piacere della guida open top (con tetto apribile) con la pulizia della mobilità elettrica, si sblocca un nuovo mix di emozioni all’interno di un’auto. Ma come per tutte le nostre automobili, non ci limitiamo a semplici sprint in linea retta. È quando giri il volante che inizia il vero divertimento”.

 Ciliegina sulla torta: il produttore ha dotato la decappottabile elettrica di un drone cinematografico autonomo integrato dietro i sedili posteriori. Sviluppato in collaborazione con il marchio di elettronica di consumo Aerofugia Hoco Flow, l’apparecchio può essere utilizzato mentre l’auto è in movimento, per registrare la sequenza di guida.

Articolo precedenteCome progettare una scuola a prova di inondazione: l’esempio di Tokyo
Articolo successivoStorico accordo per il Trattato mondiale sull’inquinamento da plastica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui