Quali sono le città più preparate alla mobilità elettrica?

Uswitch.com ha valutato 33 città europee sulla loro preparazione infrastrutturale all’e-mobility. Prima in classifica Reykjavik, seguita da Glasgow e Lisbona.

mobilità elettrica
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

A Glasgow il 92% delle colonnine pubbliche offre una ricarica gratuita

Quanto sono preparate le città europee alla mobilità elettrica? E quale realtà urbana offre un “servizio” migliore ai possessori di e-car? A queste domande risponde oggi Uswitch, compagnia britannica specializzata nel confronto prezzi, con un nuovo studio. La società ha elaborato un indice di valutazione con cui identificare le migliori città in Europa per i possessori di auto elettrica. Nel dettaglio, la misura valuta una serie di aspetti chiave per l’e-mobility, quali: numero di punti di ricarica gratuiti, i prezzi medi dell’energia, potenza media dei caricatori e distanza da tra le colonnine. E in base a questi assegna un punteggio da uno a 10 all’impegno urbano.

leggi anche Arriva su strada il primo autobus autonomo del Regno Unito

Gli esperti di Uswitch hanno utilizzato l’indice su 33 celebri città europee tra cui Torino, Roma e Milano, per identificare le realtà meglio attrezzate per ospitare le auto con la spina  Il risultato? Con un punteggio di 7,94, Reykjavik è risultata la prima in classifica. La capitale islandese si è meritata il piazzamento grazie ad una distanza media tra le stazioni  di ricarica particolarmente bassa (0,55 km) e alla presenza di un 65% di caricatori gratuito. Seguono in classifica Glasgow, dove le colonnine gratuite sono addirittura il 92% del totale, e Lisbona che possiede il prezzo per kWh più basso in Europa (0,17 €/kWh).

leggi anche MobilitAria 2022: boom della micromobiltà mentre il TP è in crisi

Menzione d’onore per L’Aia che sebbene non rientri nella top ten della mobilità elettrica, vanta una distanza tra le stazioni di ricarica sotto i 500 metri. Anche l’Italia non ce la fa a guadagnarsi un posto nelle prime dieci. In questo caso la più “e-mobility frendly” appare Milano, con un punteggio di 6,36 su 10 e la più breve distanza media tra i punti di ricarica (1,03 km) in Italia. Molto più in basso, invece, il posizionamento di Torino e Roma.

Articolo precedenteIl futuro dei contenziosi climatici parte dalle Filippine
Articolo successivoI terreni agricoli d’Europa sono il più grande serbatoio di microplastiche del mondo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui