Ricarica auto elettriche, attese 30mln di colonnine entro il 2030

Così come per il mercato dei veicoli elettrici, anche la distribuzione delle stazioni di ricarica subirà gli effetti della pandemia. I trend a breve termine secondo Wood Mackenzie

ricarica auto elettriche
CC0 Public Domain

(Rinnovabili.it) – Il mercato della ricarica auto elettriche si sta sviluppando rapidamente grazie ai sostegni governativi destinati all’elettrificazione dei trasporti. Le politiche di supporto in Cina, Nord America ed Europa hanno portato al rapido sviluppo del settore, sia in termini di nuove colonnine pubbliche che di impianti privati. Ma come successo per i veicoli, anche le infrastrutture di ricarica hanno subito in duro colpo a causa della pandemia da coronavirus. Il COVID-19 sta influenzando pesantemente la catena di approvvigionamento e i lavori d’installazione nelle abitazioni. Quale, dunque, il destino del comparto nel breve termine? Alla domanda prova a rispondere oggi la società di ricerca Wood Mackenzie.

In una nuova analisi di mercato, Wood Mackenzie traccia i trend al 2030 per le regioni attualmente più avanzate dal lato ricarica auto elettriche. Nel 2019 si contavano circa un milione di punti di ricarica, a testa, in Europa e Cina, e 1,3 milioni nel Nord America. Secondo gli esperti il numero continuerà a crescere, seppur più lentamente rispetto alle precedenti previsioni. A fine 2030 vi dovrebbero essere 8,6 milioni di colonnine installate in Europa, 9,8 milioni in Cina e 10,8 milioni in Nord America.

Leggi anche Auto elettriche vs diesel e benzina: sulle emissioni CO2 non c’è partita

Ricarica auto elettrica: le colonnine pubbliche

Entrando nel dettaglio, il report mostra come l’infrastruttura di ricarica pubblica americana sia significativamente indietro rispetto a quella europea. Nel Vecchio Continente infatti, il mercato sta passando più velocemente dalle leve politiche a quelle economiche. Tuttavia, il Nord America guadagnerà terreno sull’Europa nella seconda metà degli anni 2020, grazie ai nuovi programmi statali di elettrificazione. Ma la prima della classe rimarrà la Cina, leader indisturbato della ricarica pubblica, con ben 2,3 milioni di colonnine entro il 2030.

Ricarica auto elettrica: le colonnine private

La soluzione di ricarica auto preferita in tutte le aree geografiche entro il 2030 sarà però quella privata. Entro la fine del decennio, i consumatori nordamericani avranno installato oltre 2 milioni di punti residenziali in più rispetto alla Cina e quasi 3 milioni in più in Europa. Una posizione di superiorità legata sia alle favorevoli politiche incentivanti della regione, sia alle differenze abitative. Negli Stati Uniti, infatti, una percentuale maggiore della popolazione vive in case unifamiliari con parcheggi dedicati in strada o in garage. 

Leggi anche Chi sarà il più grande produttore di auto elettriche al mondo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui