Spagna, la Cassazione ha deciso: i veicoli a gas “puliti” non esistono

La sentenza espressa conferma la legittimità della decisione del governo spagnolo nell’escludere i veicoli a GPL, metano e GNC dall’elenco dei mezzi sostenibili incentivabili

veicoli a gas
By Julien Bertrand – Own work, Public Domain, Link

Per il tribunale i veicoli a gas non sono ecologici e, pertanto, vanno esclusi da qualsiasi incentivo

(Rinnovabili.it) – La cassazione spagnola conferma: i veicoli a gas “puliti” non esistono. Il tribunale ha stabilito che i mezzi alimentati a gas possono essere esclusi da qualsiasi schema di incentivo alla rottamazione perché più dannosi per l’ambiente rispetto agli stessi veicoli diesel. 

La sentenza s’inserisce nell’ambito del programma “Moves II”, attraverso il quale il governo spagnolo, a fronte della rottamazione di veicoli benzina e diesel, ha scelto di erogare incentivi fiscali per l’acquisto di auto a basse o zero emissioni. Tra quest’ultime, sono stati esclusi tutti i veicoli – automobili, furgoni, veicoli commerciali leggeri, autobus e pullman – a gas, GPL o GNC (Gas naturale compresso). Una scelta per nulla apprezzata dall‘Associazione spagnola del gas liquefatto, che ha immediatamente fatto appello alla corte suprema per contestare la decisione del governo. 

A distanza di settimane, lo stesso tribunale s’è tuttavia espresso a favore del governo per due distinte ragioni: la prima riguarda il significativo sostegno fiscale già in precedenza accordato ai mezzi a GPL (sostegno del quale godono tutt’ora); la seconda la mancata correlazione tra mobilità sostenibile a zero e missioni e veicoli a gas, da considerare di fatto alla stregua di tutti i veicoli alimentati da combustibili fossili e, quindi, parimenti inquinanti. 

Leggi anche: “Gas verde”: l’ultimo tentativo per tener in vita il motore a combustione”

Non è un caso che la sentenza sia arrivata insieme ad un nuovo rapporto di T&E, secondo il quale automobili, furgoni, autobus e camion alimentati a gas naturale compresso emettono – dati alla mano – elevati livelli di inquinanti tossici.
Se l’industria del gas, con tutto l’interesse del caso, afferma che GPL, metano e GNL siano carburanti utili a migliorare la qualità dell’aria e a combattere i cambiamenti climatici, il rapporto di T&E mostra sostanzialmente il contrario, evidenziando come questi carburanti emettano grandi quantità di particelle ultrasottili associate ad un ampio numero di patologie. Esattamente com’è per tutti i veicoli a combustibili fossili.

Ciononostante, evidenzia ancora il rapporto, molti paesi europei già afflitti da una pessima qualità dell’aria prevedono incentivi o sgravi fiscali per l’acquisto di veicoli a gas. In Italia, per esempio, il gas naturale per i trasporti è tassato del 99,5% in meno rispetto al diesel, con una perdita annuale di entrate pubbliche stimata in circa 675 milioni di euro. Il governo polacco tratta i veicoli a gas come veicoli a basse emissioni – al pari degli elettrici – con sovvenzioni per l’acquisto e ztl aperte.  In Spagna, i veicoli alimentati a gas naturale o GPL beneficiano dell’etichetta ECO, che garantisce loro numerosi vantaggi, tra cui sconti sui pedaggi stradali, esenzioni dall’imposta di immatricolazione o bonus sull’imposta per la circolazione.

Un giusto giudizio per un giusto motivo” ha dichiarato il direttore dell’ufficio spagnolo di T&E Isabell Büschel commentando la sentenza. “Il tribunale ha detto chiaramente e correttamente che il GPL e il gas naturale sono combustibili fossili. L’impegno della Spagna per la neutralità del carbonio implica che i veicoli che emettono particelle tossiche come qualsiasi altro motore a combustibile fossile non possano beneficiare di incentivi all’acquisto. In effetti – ha aggiunto Büschel – la circolazione di veicoli con motori a gas dovrebbe essere vietata in tutte le zone a basse emissioni delle nostre città”. 

Leggi anche: “Auto a metano, sono un’opzione pulita? Gli ultimi studi dicono no”

1 commento

  1. “Bravi”… per modo di dire. Distinguiamo, però, due aspetti: emissioni inquinanti e CO2. Per le prime, T&E è stata smentita di netto già un paio di volte (la prima metanoauto.com/modules.php?name=News&file=article&sid=9161 nel settembre 2019, metanoauto.com/modules.php?name=News&file=article&sid=9386 la seconda a giugno 2020). E poi… meno delll’1% del circolante europeo gira a metano e T&E fa una campagna a dir poco isterica contro il metano ma sul gasolio non dice nulla? Suvvia…
    Sulla CO2, ci sono dei benefici già col metano fossile (rispetto ai motori a benzina), con il biometano la riduzione di CO2 è sul 90% e oltre.
    Così facendo, però, T&E “butta l’acqua sporca con il bambino”.
    Sul gpl… è “un altro paio di maniche” e non mi esprimo.
    Una cosa è curiosa. Fra i membri di T&E c’è un’organizzazione italiana che di recente e non di rado si è fatta forte sul biometano, cioè… forse una mano non sa cosa fa l’altra?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui