Studio Ipsos sulla mobilità elettrica: 8 europei su 10 la sognano

Uno studio Ipsos effettuato in Europa mostra che i residenti nel Vecchio Continente sognano la mobilità elettrica. Preoccupazione per il prezzo elevato delle auto emissioni zero e per l’autonomia di marcia. Emerge anche una poca conoscenza tecnica sui veicoli

di Andrea Barbieri Carones

(Rinnovabili.it) – Uno studio Ipsos sulla mobilità elettrica in Europa ha dato risultati interessanti sulla nuova era delle auto. Nello studio, dedicato anche all’ambiente, emergono subito due dati: il primo che il 62% degli europei ha modificato i propri comportamenti per combattere il riscaldamento del pianeta e l’inquinamento.

Il secondo è che 8 europei su 10 sognano la mobilità elettrica. In particolare, vorrebbero assistere alla diffusione generalizzata dei veicoli elettrici e ibridi nel prossimo decennio. E abbinare le aspirazioni ecologiche con il desiderio di ridurre il budget “per l’auto”, è la formula vincente. Ciononostante, la transizione verso la mobilità elettrificata è ancora lenta.

Prezzo di acquisto troppo alto, autonomia ed incertezze a livello di infrastrutture e tempi di ricarica: ecco i principali ostacoli che impediscono, oggi, agli europei di approfittare pienamente della mobilità elettrificata. Più della metà degli europei aspetta che i costruttori automobilistici propongano veicoli elettrici economicamente accessibili.

Mobilità elettrica, gli europei si aspettano di più dalle case auto

I dati? Il 51% degli intervistati si aspetta di più dalle case auto, Il 69% pensa che la mobilità elettrica abbia un impatto positivo sull’inquinamento e il 54% pensa che la transizione elettrica sia troppo lenta.

Il 38% pensa che l’autonomia delle auto elettriche sia ancora troppo scarsa e non permetta loro di fare lunghi viaggi. Tornando al nodo del prezzo di acquisto, quasi un intervistato su 3 ritiene che acquistare una vettura emissioni zero sia ancora troppo caro. E poco più di uno su 3 pensa che le colonnine di ricarica siano ancora poche.

“Gli automobilisti pensano di guidare ogni giorno 2000 km e, quindi, che starebbero sempre lì a ricaricare la loro auto elettrica” ironizza Erik Schilb, fondatore del racing team “in-Produkt thinks electric”. Il suo obiettivo è dimostrare che la mobilità elettrica e le modalità di vita sostenibili sono compatibili con il piacere di guidare i veicoli emissioni zero.

Ma viaggi così si fanno una sola volta all’anno. Anzi solo il 10% li fa. Bisogna che la gente guidi e scopra fino a che punto è pratico ricaricare l’auto a casa e provare il piacere di cominciare ogni giorno con il “serbatoio” pieno. Inoltre, gli utenti pensano che i veicoli elettrici costino di più rispetto alle auto a benzina, ma spesso non è così. Pensano solo al prezzo di acquisto e non al costo totale di utilizzo”.

Lo studio Ipsos sulla mobilità elettrica ha mostrato anche che il 70% degli automobilisti europei non sono a conoscenza di avere una colonnina di ricarica vicino a casa. Addirittura c’è il 42% che non sa che l’auto elettrica si può ricaricare da una presa domestica, forse perché 9 su 10 non hanno ancora dimestichezza col funzionamento di questi veicoli.

Ma allora cosa spinge verso questa forma di mobilità? Il 76% del campione di residenti europei ha trovato piacevole l’esperienza di guida. Mentre percentuali simili – il 43 e il 44% – puntano a tagliare il costo di proprietà di una vettura e vogliono diminuire l’inquinamento.

Articolo precedenteMerdeka 118, quasi completo il secondo grattacielo più alto al mondo
Articolo successivoMissione idrogeno verde, la tessera che mancava per decarbonizzare l’economia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui