Veicoli a basse emissioni, si riparte con gli incentivi

Da oggi i concessionari potranno accedere sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it per inserire le prenotazioni del contributo per le automobili (classe M1)

Veicoli a basse emissioni
Foto di Ismael Marder da Pixabay

Disponibili 700 milioni di euro l’acquisto veicoli a basse emissioni

(Rinnovabili.it) – Dopo via livera ai nuovi incentivi per i motocicli, si alza il sipario anche sulle agevolazioni per le automobili. Dal 1° gennaio di quest’anno, infatti, è attivo il nuovo round di risorse statali dedicate all’acquisto di veicoli a basse emissioni, a due e quattro ruote. Un fondo da oltre 700 milioni di euro, a cui hanno contribuito nel tempo le norme del DL Rilancio 2020, del DL Agosto 2020, e da ultimo della Legge di Bilancio 2021. 

Per ottenere l’incentivo è necessario prenotarsi sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it, seguendo le fasi di apertura dello sportello annunciate dal Ministero dello Sviluppo economico. La prima fase è solitamente dedicata alla registrazione dei concessionari; segue quindi la seconda fase per i cittadini, in cui è possibile inserire l’ordine e prenotare il contributo. Dalla prenotazione si avranno poi fino a 180 giorni di tempo per la consegna del mezzo.

Leggi anche Bilancio 2021: proroga superbonus e colonnine elettriche in autostrada

Oggi il Ministero torna sulla questione annunciando l’apertura, dalle 10.00 di stamane, della sezione dedicata a rivenditori e concessionari per veicoli a basse emissioni di classe M1, mentre è già possibile prenotare i contributi per la categoria L.

Ecobonus per i veicoli a basse emissioni

In una nota stampa il Ministro ha anche ricordato la portata e il volume dei sussidi concessi. Nel dettaglio per le fasce di emissioni 0-20 g di CO2/km e 21-60 g/km ai fondi già stanziati si aggiungono ulteriori 120 milioni di euro per tutto il 2021, portando l’ammontare a 390 milioni di euro. A queste risorse potranno verranno sommate anche quelle residue degli anni precedenti. 

A quanto ammonta l’ecobonus? Per le auto con emissioni tra 0-20 g di CO2/km, si va da 6.000 euro con rottamazione e 4.000 senza rottamazione. Per quelle tra i 21-60 g di CO2/km, 2.500 euro con rottamazione e 1.500 senza rottamazione.

“Alle medesime due fasce potranno aggiungersi 2.000 euro con rottamazione e 1.000 senza rottamazione fino al 31 dicembre 2021“, scrive il MiSE. “In tal caso è anche previsto uno sconto praticato dal venditore pari ad almeno 2.000 o 1.000 euro a seconda che sia presente o meno la rottamazione”.

Leggi anche Dl Agosto: novità su superbonus, auto elettriche e riciclo

A ciò si aggiungo le altre due fasce emissive 61-90 g di CO2/km e 91-110 g di CO2/km, rimodulate in un’unica classe da 61-135 g/km. A queste auto andranno in totale 250 milioni di euro (1500 euro a mezzo) ma sarà possibile usufruirne solo con rottamazione. Tuttavia anche in questo caso all’incentivo si aggiunge uno sconto praticato dal venditore pari ad almeno 2.000 euro.

“Infine – continua il Ministero – è stato introdotto un nuovo incentivo sui veicoli commerciali leggeri N1 e M1 speciali, proporzionale alle emissioni e finanziato con 50 milioni di euro. La prenotazione di questi contributi da parte dei concessionari sulla piattaforma ecobonus sarà possibile nei prossimi giorni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui