La bolla dei veicoli endotermici: così l’automotive sforerà gli 1,5°C

Un rapporto di Greenpeace Germania e altri partner accademici calcola in 53 Gt CO2 il budget di carbonio residuo per i marchi auto. Che corrisponde a circa 315 mln di auto diesel o benzina. Ma i piani industriali prevedono vendite per almeno 645 veicoli ICE

Hainan
via depositphotos.com

Almeno 400 milioni di veicoli endotermici di troppo saranno venduti nei prossimi anni

(Rinnovabili.it) – Nei prossimi anni, i maggiori marchi di automobili al mondo produrranno centinaia di milioni di veicoli endotermici in più di quelli che sono compatibili con gli 1,5 gradi. I loro piani industriali nei fatti sono del tutto disallineati dalle esigenze di contrasto della crisi climatica. Nonostante in regioni come l’Europa stia passando lo stop alla vendita di auto diesel e benzina nel 2035. Lo sostiene un rapporto preparato dalla University of Technology Sydney, l’University of Applied Sciences of the Industry di Bergisch Gladbach e il ramo tedesco di Greenpeace.

Per calcolare la traiettoria del settore automotive, il rapporto stima il budget di carbonio che è disponibile per i marchi automobilistici. Appoggiandosi a un modello dell’università di Sidney, la quantità di CO2 complessiva prima di sforare il target più ambizioso di Parigi è 53 miliardi di tonnellate (Gt), su un budget globale di 400 Gt che, secondo l’IPCC, dà una probabilità del 67% di restare sotto gli 1,5°C.

Leggi anche Rapporto IPCC, il budget di carbonio per la soglia di 1,5°C finisce tra 9 anni

Tradotto in numero di veicoli endotermici, questa cifra equivale a circa 315 milioni di auto a combustione interna. Ma i marchi, nei prossimi anni, si aspettano di vendere tra i 645 e i 778 milioni di auto. Più di 400 milioni di auto e 98-116 Gt di troppo.

“Per decarbonizzare il trasporto stradale entro il 2050, e considerando il numero limitato di veicoli endotermici che possono ancora essere venduti, le case automobilistiche devono eliminare gradualmente la produzione di veicoli commerciali leggeri diesel e benzina entro il 2030”, si legge nel rapporto.

Leggi anche Accordo finale in UE per il bando delle auto endotermiche nel 2035

A causa della lentezza nella transizione da motori ICE a motori elettrici è la causa principale del potenziale emergere di una bolla dei veicoli endotermici, suggeriscono gli autori. L’eliminazione graduale del motore a combustione interna e la completa elettrificazione delle vendite di veicoli commerciali leggeri sono necessarie già entro il 2030. “Tuttavia, i piani dell’industria – almeno quelli dei produttori tradizionali come Volkswagen, Toyota, Hyundai/Kia e GM – prevedono solo il 52% di vendite di veicoli elettrici a batteria entro il 2030”, calcola il rapporto.

Articolo precedentePresentato 55 Bishopsgate, il secondo edificio più alto di Londra ad alta efficienza
Articolo successivoL’UE premia l’Italia sul riciclo, maglia nera sulle discariche. “Eccellenza” CONOU

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui