Earth Day, Toma: non esiste futuro senza tutela dell’ambiente

La riflessione del presidente della Regione Molise, Donato Toma

Foto di Gianni Crestani da Pixabay

Sviluppo sostenibile “solo proteggendo e difendendo il nostro territorio, arrestando la devastazione ambientale”

Campobasso, 21 aprile 2021 – «Se volessimo trarre insegnamento da quanto accaduto e sta accadendo a seguito della pandemia, fra gli innumerevoli messaggi che questa immane tragedia trasmette, ce ne sono tre sui quali potremmo focalizzare l’attenzione. 

Il primo: l’uomo, sia pure a fronte di un raggiunto progresso scientifico e tecnologico, non può andare contro natura, sfidarla superando certi limiti. Il secondo: la cooperazione mondiale registratasi nel campo della ricerca per quanto concerne la realizzazione dei vaccini ha fatto sì che venissero bruciate le tappe e si pervenisse in pochi mesi a un risultato per il raggiungimento del quale, nel passato, ci sarebbero voluti anni; se lo stesso metodo fosse applicato ad altri campi della scienza, avremmo una qualità di vita decisamente migliore. Il terzo: lo sviluppo prossimo venturo non può prescindere da scelte politiche, sociali, economiche e tecnologiche che siano compatibilmente sostenibili.

Tre aspetti che vanno strettamente legati alla celebrazione della Giornata mondiale della Terra, meglio conosciuta come Earth Day, un evento simbolico che deve farci riflettere sul futuro del Pianeta.  
La strada esiste, si chiama Agenda 2030. A tracciarla sono stati nel 2015 i Governi dei 193 Paesi membri dell’ONU, ma occorre uno sforzo comune affinché venga percorsa con la messa in campo di azioni concrete e non solo con la semplice enunciazione di principi. 
Va immaginato e attuato un nuovo modello di sviluppo che, a partire dai comportamenti individuali fino ad arrivare a quelli collettivi e sistemici, sappia coniugare il rispetto dell’ambiente con lo sviluppo tecnologico e  infrastrutturale. A tal proposito, il nuovo Ministero della transizione ecologica, istituito dal Governo Draghi, è la conferma che la direzione verso la quale si sta procedendo sia quella giusta. Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, straordinaria occasione per il nostro Paese, ingenti sono le risorse destinate proprio alla rivoluzione verde.

Non esiste futuro senza tutela dell’ambiente: solo proteggendo e difendendo il nostro territorio, arrestando la devastazione ambientale che da anni, purtroppo, è in atto, potremo giungere al risultato di uno sviluppo sostenibile auspicato e compiuto».  
La riflessione del presidente della Regione Molise, Donato Toma, sulla Giornata mondiale della Terra che ricorre il 22 aprile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui