Eternit-bis, ripresa processo importante per avere giustizia

Per la bonifica del sito di Casale sono state investite a partire dal 1996 circa 120 milioni di euro di risorse pubbliche

Foto di Karolina Grabowska da Pixabay

Una ferita ancora aperta in Piemonte e soprattutto a Casale Monferrato

Il Presidente della Regione è intervenuto oggi all’udienza presso la Corte d’Assise di Novara del processo Eternit-bis e, apprezzando la ripresa del percorso affinché vengano accertate le responsabilità, ha evidenziato l’impegno dell’Ente affinché sia fatta giustizia per le vittime di quella che è una ferita ancora profondamente aperta in Piemonte e soprattutto a Casale Monferrato e nel territorio circostante.

Il Presidente ha garantito che la Regione continuerà la campagna di bonifica avviata da anni a sostegno di enti pubblici e privati, ricorrendo anche all’utilizzo dei fondi europei. Ha poi ricordato che per la bonifica del sito di Casale sono state investite a partire dal 1996 circa 120 milioni di euro di risorse pubbliche, a cui si sommano i costi per il sistema sanitario e la collettività per le cure necessarie a ogni singolo caso, 33mila euro per il percorso diagnostico-terapeutico, 25mila euro di costi assicurativi e per le compensazioni, 200mila euro le perdite legate alla mancata attività lavorativa.

La Regione, ha sottolineato il Presidente, farà tutto quello che è in suo potere perché i responsabili di tutte queste morti paghino, perché la vita è un bene che non può non ricevere giustizia.

Articolo precedenteQualità dell’aria, le misure straordinarie per la stagione invernale
Articolo successivoAvviata la procedura di valutazione ambientale strategica per nuovo Piano regionale rifiuti 2021-2025

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui