Cicloturismo sotto la lente della Puglia

Per capire meglio le esigenze dei turisti che arrivano in bici la Puglia sottoporrà ai viaggiatori 1500 questionari che daranno un quadro preciso delle necessità del comparto

biciturismo(Rinnovabili.it) – Quali sono i bisogni dei cicloturisti che passano le vacanze in Puglia? Se lo sono chiesto La Regione Puglia e la cattedra di Economia Politica del Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università del Salento decidendo di portare avanti uno studio che in maniera esaustiva dipinga le necessità del settore. L’iniziativa, che rientra nel progetto di cooperazione transfrontaliera INTERMODAL (INTERmodality MOdel for the Development of the Adriatic Littoral zone) finanziato con fondi del programma IPA ADRIATIC CBC 2007-2013, di cui l’Assessorato alle Infrastrutture e mobilità della Regione Puglia è partner di progetto ha come obiettivo principale il miglioramento dei servizi di trasporto regionale anche al fine di garantire un soggiorno migliore a chi si reca nella regione per le ferie. Per meglio capire le esigenze di chi sposta in bicicletta la Regione fornirà a 1500 cicloturisti dei semplici questionari da compilare che forniranno un quadro più chiaro delle necessità dei viaggiatori. Disponibile in formato sia cartaceo sia digitale il questionario verrà presentato sia in lingua inglese che in italiano e sarà reperibile nelle strutture ricettive della regione.

 

“L’indagine – spiega l’assessore regionale Giovanni Giannini – è finalizzata a conoscere le esigenze di intermodalità delle varie tipologie di cicloturisti che vengono in Puglia per trascorrere le loro vacanze e cercare di migliorare l’offerta di trasporto combinato. Destinatarie sono varie tipologie di cicloturisti: quelli che arrivano in Puglia trasportando la propria bicicletta al seguito su un altro mezzo di trasporto, quelli che arrivano senza bicicletta e la noleggiano in loco e quelli che arrivano direttamente in bicicletta ed effettuano un successivo trasferimento con altri mezzi via terra, mare o aria”.

Articolo precedenteStarace-Grieco, la nuova Era dell’Enel
Articolo successivoGas naturale: autobus e camion ringraziano