Mercedes come Tesla: batterie al litio per accumulo domestico

L’azienda tedesca investe nel settore delle batterie al litio spostando il confine dall’automotive all’accumulo domestico. Da settembre i primi modelli

Mercedes come Tesla batterie al litio per accumulo domestico

 

(Rinnovabili.it) – Tesla ha aperto le danze con la sua Powerwall, la prima tra le batterie al litio dedicate all’accumulo domestico. Ma il primato è durato poco, dato che è di recente arrivata la proposta di Mercedes Benz, che a settembre dovrebbe mettere sul mercato un prodotto concorrente. La mossa sembra sgombrare il campo dall’idea che Tesla sarà l’unico player dell’industria automobilistica nel mercato in crescita dello stoccaggio di energia domestica. La Mercedes sta recuperando terreno sia sul versante dell’auto elettrica, sia, da pochi giorni, sui sistemi di accumulo per l’energia rinnovabile. La scommessa dei produttori si estende quindi oltre il mercato automobilistico, nella costruzione di batterie adatte anche all’utilizzo in un nuovo settore dalla potenzialità dirompenti, secondo le ultime analisi di Deutsche Bank. Se adeguatamente indirizzato, l’accumulo potrebbe bruciare le tappe per lanciare il guanto di sfida ai sistemi di distribuzione dell’energia tradizionali.

 

Daimler sta ora utilizzando le batterie per auto elettriche per unità di storage in grado di offrire sia l’alimentazione di backup per aziende, sia per sistemi di stoccaggio per l’energia solare da utilizzare durante le ore notturne o le giornate nuvolose. Le batterie possono «compensare a volte notevoli oscillazioni di consumo e ridurre i costi energetici», dicono da Accumotive , la controllata di Daimler – fondata nel 2009 per costruire batterie al litio per le auto Mercedes e Smart – che si occuperà di vendere i sistemi di accumulo con batterie al litio targati Mercedes Benz. Accumotive dice che i suoi elementi da 2.5 kWh possono essere collegati in serie fino ad un massimo di 20 kWh, abbastanza per alimentare un’abitazione per circa 16 ore negli Stati Uniti, o almeno così dicono i dati della US Energy Information Administration. Ma i tedeschi consumano meno energia rispetto agli americani: una famiglia tipo se la cava con circa 10 kWh al giorno, secondo il Consiglio mondiale dell’energia.

 

Oltre alla batteria standard, Accumotive fornirà, proprio come Tesla, unità più grandi. Daimler deve ancora rivelare il prezzo: i sistemi Powerwall di Tesla costano 3.500 dollari esclusi i costi di installazione. Le persone interessate all’acquisto di un sistema di accumulo Mercedes Benz possono prenotarlo online, collegandosi al portale www.schlauerspeichern.de.

Articolo precedenteLa Corea del Nord vive la peggiore siccità degli ultimi cent’anni
Articolo successivoTrivelle selvagge, il decreto sulla sicurezza è troppo debole

2 Commenti

  1. E’ davvero un prodotto interessante, sopratutto per chi dispone di pannelli solari e meglio ancora se risulta proprietario di una autovettura ibrida predisposta al plug-in. E’ altrettanto chiaro che il tutto però deve essere realizzato tenendo ben presente il quadro economico. In particolare occorrerà conoscere il costo del prodotto, della sua installazione, della durata, della necessità di manutenzione e così via. Sarei personalmente molto interessato al prodotto stesso non appena si potranno avere informazioni più dettagliate nel merito. Grazie . Cordialmente.
    p.b.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui