PFU Zero nelle Isole Minori sbarca alle Eolie

Partita da Vulcano questa mattina la raccolta straordinaria di pneumatici fuori uso a terra e a mare con cui Marevivo ed EcoTyre danno inizio alla Settimana delle Eolie

PFU Zero nella Isole Minori sbarca alle Eolie.(Rinnovabili.it) – Il progetto PFU Zero nelle Isole Minori sbarca in Sicilia e dà ufficialmente inizio alla Settimana delle Eolie, un percorso che da questa mattina, a Vulcano, fino a venerdì 20 giugno coinvolgerà tutte le isole dell’arcipelago in una raccolta straordinaria di pneumatici abbandonati a terra e a mare. Come nelle precedenti tappe, Marevivo ed EcoTyre si sono avvalsi della collaborazione di enti ed istituzioni locali; a Vulcano, infatti, i promotori dell’iniziativa hanno potuto contare sull’appoggio dell’Amministrazione comunale e del Diving Center Saracen per la localizzazione e la successiva rimozione degli pneumatici fuori uso che giacevano sui fondali nella zona del Porto di Ponente e del Porto di Levante. Circa 200 i PFU da auto e una decina quelli da trattore recuperati e trasportati presso gli impianti di trattamento; sulla banchina, ad assistere alle operazioni, Gummy che, come nelle altre tappe, ha intrattenuto grandi e piccini con iniziative di sensibilizzazione.

 

“La Settimana delle Eolie – ha dichiarato il Presidente di EcoTyre, Enrico Ambrogio – è un momento fondamentale del progetto di raccolta straordinaria gratuita che stiamo portando avanti nelle principali isole minori italiane. Ci terrei a specificare che la scelta di recuperare PFU sulle Eolie è legata all’opportunità che queste splendide isole coinvolte, tra le più belle del Mediterraneo, possano rappresentare un modello per altre Amministrazioni comunali. L’aspetto più importante di PFU Zero è quello educativo e di sensibilizzazione dei cittadini e, in particolare, dei bambini. Sono loro, infatti, il fulcro fondamentale a cui ci rivolgiamo, il primo anello della filiera del riciclo di questi rifiuti, che, recuperabili al 100%, possono essere un’interessante risorsa per tutti noi”.

 

E come aggiunto da Franco Andaloro dell’ISPRA, anch’egli presente a Vulcano, si tratta di un’iniziativa che si inserisce nell’ambito delle azioni raccomandate dalla strategia marina dell’Unione Europea contro il marine litter, ovvero tutti quei rifiuti presenti nei nostri mari che minacciano la salute dell’ecosistema marino del Mediterraneo.

 

La Settimana delle Eolie proseguirà domani 17 giugno a Panarea, per proseguire il 18 Salina, il 19 a Stromboli e concludersi il 20 a Lipari.

Articolo precedenteQuartiere a impatto zero per Torino, grazie al progetto UE Clue
Articolo successivoChimica verde, a Porto Torres si riparte da qui