Pneumatici fuori uso depurano l’acqua

In Finlandia hanno scoperto che i microbi sulla superficie degli pneumatici fuori uso triturati si nutrono di fosforo e azoto presenti nell’acqua

Pneumatici fuori uso per depurare l’acqua 300(Rinnovabili.it) – Il riciclo degli pneumatici fuori uso non conosce confini: presto potrebbe affermarsi un nuovo metodo di riutilizzare le gomme dei veicoli trasformatesi in rifiuti. L’idea è di impiegarli nel processo di depurazione dell’acqua. Ma come? Sfruttando i batteri che vivono sulla loro superficie. La tecnica è in fase di sperimentazione a Kitee, nell’est della Finlandia.

 

Ogni anno sono milioni di tonnellate gli pneumatici fuori uso che prendono la via della discarica o del riciclo. La gomma infatti si può recuperare al 100 per cento, e gli usi che se ne possono fare sono diversi. Incluso quest’ultimo, come ha spiegato Sanni Pisto, un esperto di Apila Group, la compagnia finlandese di consulenza ambientale incaricata del progetto: «La gomma pestata permette di ottenere una superficie che chiamiamo biofilm. Azoto, fosforo e altri nutrienti presenti nell’acqua restano incollati a questa pellicola. Un fatto che si rivela fondamentale per il processo depurativo, perché le sostanze che i ricercatori tentano di separare dall’acqua al fine di purificarla, vengono mangiate dai microbi che proliferano sulla superficie dello pneumatico».

 

La tecnica sa di fantascienza, ma è già realtà, o quantomeno lo sarà presto. È stata infatti testata a Heinola, insieme alla Finnish Tyre Recycling Company. La sperimentazione proseguirà in autunno utilizzando laboratori a Keruu, nella Finlandia dell’ovest.

2 Commenti

  1. Purtroppo al momento, pur avendo effettuato alcune ricerche, non abbiamo reperito novità sul progetto.
    Grazie per averci contattato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui