La Re Car Race Junior porta il riciclo sulla griglia di partenza

L’iniziativa Re Car Race Junior, organizzata con le scuole di Roma e del Lazio, è giunta al suo momento culminante: la gara delle auto riciclate

Re Car Race Junior(Rinnovabili.it) – La Re Car Race Junior sta scaldando i motori. Il 28 Aprile a Roma, presso l’impianto sportivo comunale Fulvio Bernardini, si svolgerà l’Eco Grand Prix delle automobili a trazione umana realizzate con materiale di recupero, riuso e riciclo.

L’iniziativa, che ha il sostegno e il patrocinio della Regione Lazio, è rivolta alle scuole medie di della capitale e di tutto il territorio regionale, e dedicata ai ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Con l’aiuto dei docenti e dei tutor dell’associazione Compagnia del Clownotto,  hanno potuto ideare, progettare e costruire un’automobile con materiali di scarto a impatto zero con la quale parteciperanno ad un eco gran premio. L’intento dell’iniziativa è diffondere l’importanza dei concetti di riciclo e riuso creativo dei materiali di scarto, e più in generale sensibilizzare tutti i destinatari dell’iniziativa al rispetto per l’ambiente e all’educazione stradale.

 

L’attività è iniziata a marzo, coinvolgendo 5 scuole medie e 10 classi/gruppi di lavoro. Il progetto si conclude il 28 aprile, quando gli “eco-motori” arriveranno alla prova dal gran premio. Nell’avventura i ragazzi si sono costituiti in gruppi, i Green School Re Car Team, per la costruzione dell’auto da corsa riciclata. Ogni gruppo si è composto di minimo 6 studenti della stessa classe ed è stato coordinato da un docente. Dopo un percorso di progettazione, recupero degli oggetti utili alla costruzione, assemblaggio e montaggio, ora è giunto il momento della sfida: le recycled car si confronteranno in un circuito che prevede diverse prove.

Pole position e piazzamenti sulla griglia di partenza saranno definiti in base al punteggio ottenuto in una precedente fase, che prevedeva un percorso da portare a termine cercando di rispettare il più possibile il codice della strada. I ragazzi e le ragazze delle scuole partecipanti, infatti, hanno potuto scoprire, attraverso questo momento ludico ma anche formativo, alcune regole basilari del codice della strada.

RECAR

Articolo precedenteApple presenta il suo report di (in)sostenibilità
Articolo successivoSky house: la casa in legno per vacanze off-grid

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui