Cop27, la Sardegna presenta due progetti sull’educazione alla cittadinanza globale

”Abbiamo condiviso e ci siamo confrontarsi a livello internazionale sull’esperienza regionale in tema di sviluppo sostenibile, cambiamenti climatici e cittadinanza globale – ha sottolineato l’assessore Gianni Lampis

COP27 di Sharm el-Sheikh: l’Africa vuole il gas e più impegno sulla finanza climatica
via depositphotos.com

La regione ha partecipato all’interno del Padiglione Italia


Cagliari, 18 novembre 2022
 – L’Assessorato regionale della Difesa dell’ambiente ha partecipato, all’interno del ‘Padiglione Italia’, alla “COP27”, la conferenza annuale delle Nazioni Unite dedicata al cambiamento climatico, che si chiude oggi a Sharm el-Sheik in Egitto.

”Abbiamo condiviso e ci siamo confrontarsi a livello internazionale sull’esperienza regionale in tema di sviluppo sostenibile, cambiamenti climatici e cittadinanza globale – ha sottolineato l’assessore Gianni Lampis – In particolare, abbiamo illustrato le attività svolte nell’ambito delle ‘Strategie regionali per l’adattamento ai cambiamenti climatici e per lo sviluppo sostenibile’, coordinate dal Servizio Svasi dell’Assessorato e sviluppate attraverso un approccio trasversale, col coinvolgimento di diverse strutture regionali e della società civile. Perno centrale di questo approccio è stato un percorso attuato attraverso il ‘Forum per lo Sviluppo sostenibile’ e il sistema Infeas (Informazione, formazione, educazione all’ambiente e alla sostenibilità), che opera attraverso gli oltre 50 Ceas (Centri per l’educazione all’ambiente e alla sostenibilità) diffusi in tutto il territorio regionale”.
Sul tema dell’educazione alla cittadinanza globale, la Regione Sardegna ha organizzato, insieme alle Regioni Marche, Abruzzo, Liguria e Umbria, un workshop, durante il quale ha presentato i due nuovi progetti, vinti sul bando della Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, che verranno avviati a breve.

Articolo precedenteLatronico: “Bonus gas e non metanizzati, due misure per il futuro”
Articolo successivoCOP27 di Sharm: accordo storico su loss & damage, ma balbetta su tutto il resto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui