Idrogeno, la Sardegna è Regione pilota

Una tappa importante verso una transizione energetica che ci porterà a vivere in una terra sempre più green e sempre più innovativa nel campo dell’alta tecnologia, dice il Presidente Solinas

Idrogeno verde: la decarbonizzazione inizia in raffineria
Foto di André Rau da Pixabay

Arrivano 140 milioni dal PNRR

Il Presidente della Regione Christian Solinas accoglie con grande soddisfazione la notizia del finanziamento del nuovo collegamento ferroviario con treni ad idrogeno green Alghero centro ‐ Alghero aeroporto, con la realizzazione di un impianto di produzione e stoccaggio di idrogeno in area aeroportuale.
L’intervento rientra nel complesso delle attività finanziate nell’ambito del riparto delle risorse del Piano nazionale per gli investimenti complementari al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) destinato alle ferrovie regionali.

Leggi anche Il vero costo dell’idrogeno fotovoltaico

La Regione Sardegna aveva presentato a dicembre del 2020 una proposta per collegare le città di Alghero e di Sassari con l’aeroporto di Fertilia con una diramazione dalla linea ferroviaria esistente.
La richiesta di finanziamento ammontava a 140 milioni di Euro, che sono stati interamente finanziati. L’intervento si inquadra nel più generale obbiettivo perseguito dall’UE di transizione energetica per lo sviluppo di una mobilità sostenibile. In particolare, il Piano nazionale per gli investimenti complementari è finalizzato ad integrare con risorse nazionali gli interventi del PNRR.

L’intervento infrastrutturale è completato con un impianto di produzione e stoccaggio di idrogeno nonché con la fornitura di 5 treni occorrenti per garantire l’esercizio ferroviario sulla linea ferroviaria Sassari/Alghero/Alghero aeroporto.

Più in dettaglio l’investimento prevede la realizzazione del nuovo collegamento ferroviario di lunghezza pari a circa 6.7 km il cui servizio verrà svolto con treni di ultima concezione alimentati a idrogeno (anch’essi ricompresi all’interno del finanziamento). Inoltre, è prevista la realizzazione una centrale di produzione di idrogeno verde (cioè prodotto da fonti di energia rinnovabile) che consentirà un importante avvio della transizione energetica nella nostra isola.

Una tappa importante verso una transizione energetica che ci porterà a vivere in una terra sempre più green e sempre più innovativa nel campo dell’alta tecnologia, dice il Presidente Solinas. Abbiamo una grande progettualità, premiata anche in questa occasione, che può portare la Sardegna ad assumere il ruolo di hub sperimentale per il resto del Paese e per l’Europa. Possiamo arrivare in tempi non lunghi a produrre idrogeno green da fonti rinnovabili, con un investimento in tecnologia e in innovazione che siamo pronti a realizzare con le nostre eccellenze come il Crs4 e Sardegna Ricerche, mettendo a disposizione un know-how importante.

Leggi anche Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR), ecco il cuore verde

Un esempio di efficienza e innovazione che attribuisce alla Sardegna un ruolo di grande prestigio nel panorama nazionale, dice l’assessore ai trasporti Giorgio Todde, e che sarà il punto di partenza per un sistema di trasporti locali sempre più moderno e compatibile con la tutela dell’ambiente.
Punteremo sempre con forza, prosegue l’assessore Todde, alla ricerca e all’alta tecnologia applicate ai trasporti. Oggi vediamo premiato un grande sforzo progettuale che rende merito alla Sardegna e alla nostra Giunta regionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui