“La mobilità sostenibile parte dal tuo Comune!”

Attualmente è in fase di elaborazione un piano per la mobilità ciclistica, ossia un documento di pianificazione per migliorare la mobilità in bicicletta nei prossimi 10 anni.

Foto di Linus Schütz da Pixabay

il 54% degli spostamenti quotidiani sono inferiori ai 5 chilometri

La mobilità sostenibile a livello comunale è stato il tema al centro della conferenza di oggi (19 ottobre), rivolto a sindaci, assessori e tecnici comunali e a tutti coloro che sono coinvolti direttamente o indirettamente nel processo decisionale e di orientamento dell’amministrazione comunale nell’ambito della mobilità.

“La mobilità locale è un elemento decisivo quando si parla di mobilità sostenibile, verde e intelligente. Soprattutto se si considera che il 54% degli spostamenti quotidiani sono inferiori ai 5 chilometri“, afferma Joachim Dejaco, direttore generale di Strutture Trasporto Alto Adige SpA.

Mobilità ciclistica ed elettrica

La bicicletta e la mobilità elettrica ricoprono ruoli essenziali quando si tratta di mobilità sostenibile. Attualmente è in fase di elaborazione un piano per la mobilità ciclistica, ossia un documento di pianificazione per migliorare la mobilità in bicicletta nei prossimi 10 anni. “Il piano include diverse misure e tutte possono contribuire ad aumentare la mobilità ciclistica”, afferma Olivia Kieser capo progetto dell’iniziativa Green Mobility coordinata dalla STABenjamin Profanter, della Natur-Backstube Profanter di Bressanone, ha condiviso le sue esperienze quotidiane e ha raccontato di come consegna la sua merce ai clienti grazie all’uso di veicoli elettrici. Massimo Minighini, di Neogy (Alperia), ha spiegato cosa devono sapere i rappresentanti dei Comuni sulla guida elettrica. 

Esempi pratici dai Comuni

Roland Griessmair, sindaco di Brunico, e Manfred Mayr, sindaco di Cortina all’Adige, hanno fornito chiari esempi. “Vogliamo ridurre drasticamente il traffico interno a Brunico”, dice il sindaco Griessmair. Questo significa riorganizzare i flussi di traffico, espandere i servizi pubblici di mobilità e porre un forte accento sulla mobilità ciclistica.” Anche Wolfram Sparber (Eurac) ha offerto  esempi di opportunità di sviluppo per i Comuni attraverso progetti europei, come il progetto “Sinfonia” per una cosiddetta smart city.

Quadro normativo

Un punto centrale di discussione è stato il quadro normativo che la Provincia di Bolzano fornisce nel settore della mobilità sostenibile. Secondo Gianluca Squeo, dell’Ufficio pianificazione territoriale e cartografia, la legge sulla pianificazione territoriale mira ad evitare il più possibile il traffico e a spostare il trasporto privato su altri mezzi di trasporto. Stephanie Kerschbaumer, direttrice dell’Ufficio ferrovie e trasporto aereo, ha fornito una panoramica dei contributi della Provincia di Bolzano a favore della mobilità sostenibile (ad esempio per l’acquisto di veicoli elettrici o la promozione di sistemi di ricarica).

La conferenza è stata organizzata da Green Mobility della società inhouse Strutture Trasporto Alto Adige Spa (STA). 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui